Pulire Nintendo Switch: la casa produttrice sconsiglia l’alcool. Ecco come fare

La sanificazione dei dispositivi di più frequente utilizzo è diventata una delle pratiche più diffuse in questo periodo di emergenza sanitaria da contagi da Covid19. La pratica maggiormente consigliata è quella di pulire i propri smartphone, spesso, con un disinfettante a base alcoolica. Occorre farlo con prudenza e a dispositivo spento, e lasciando asciutto il più possibile il proprio telefono per evitare di comprometterne la funzionalità. Oltre agli smartphone, altri dispositivi particolarmente utilizzati in questo periodo sono le console di gioco. Usare i videogiochi è uno dei metodi più veloci per far passare il tempo in quarantena. Ma volendo sanificare la propria console, ci sono diverse cose cui fare attenzione. Per la Nintendo Switch, ad esempio, l’uso di alcool è stato fortemente sconsigliato direttamente dalla casa madre, la Nintendo.

DAL NOSTRO NETWORK
[crp]
[wp-rss-aggregator category="videogame"]
DAL NOSTRO NETWORK
[crp]
[wp-rss-aggregator category="notizie"]

L'offerta del giorno
fashwork Tazza divertente Buongiorno un ca**o ironica simpatica Mug 11oz
  • TAZZA DIVERTENTE: Tazza Regalo divertente uomo donna compleanno beer frasi divertenti ironiche

Nintendo Switch e Joy-Con non devono essere puliti utilizzando l’alcool o altri disinfettanti, anche non a base alcoolica. Vanno evitate anche le salviette imbevute con soluzioni alcooliche, che spesso arrivano anche al 60% di concentrazione di alcool. La comunicazione è stata diffusa direttamente dalla casa madre, la Nintendo. La motivazione è che questi prodotti potrebbero rovinare in modo definitivo la colorazione di Nintendo Switch. E non sono escluse potenziali deformazioni permanenti. L’utilizzo di agenti chimici potrebbe irrimediabilmente rovinare la piccola console ibrida: e Nintendo non accetterebbe reclami o richieste di sostituzione visto che nelle istruzioni è chiaramente proibito l’utilizzo di detergenti per pulire la Switch. Il metodo alternativo suggerito è quello di utilizzare un panno morbido e asciutto per la pulizia delle componenti della console.

Al momento Nintendo, per altro, è alle prese anche col lockdown giapponese, che gli ha impedito di incrementare la produzione di console. La distribuzione è stata bloccata e il rischio – per chi volesse acquistare in questi giorni una Switch – è di non trovare disponibilità. Nemmeno presso catene specializzate, come GameStop ad esempio, che stanno finendo le proprie scorte. Un problema che in Giappone è già particolarmente sentito.