Ripple: il report del Q4 2019 rivela l’andamento del mercato cripto

 

Ripple ha reso noto il resoconto del Q4 2019. Diamo uno sguardo all’andamento del mercato per quanto riguarda la criptovaluta XRP.

Da quando esiste l’XRP, fino al termine dell’anno appena trascorso, sono state effettuate, secondo i dati registrati, circa cinquantuno milioni di transazioni, con utenza attiva di 150 validatori partecipanti al network. Tutte le transazioni sono andate a buon fine, senza discriminazioni né censure.

Durante il 3° trimestre dell’anno scorso, le vendite della moneta virtuale hanno subito un’importante riduzione; e Ripple ha continuato a ridurre drasticamente l’erogazione anche nel trimestre successivo. In ogni caso, non è facile reperire dati realmente precisi.

Poiché c’è stato una notevole diminuzione di vendite di XRP rispetto ai tre mesi prima del Q4, con una sospensione delle vendite programmate in favore di una strategia che punta piuttosto a un mercato non regolarizzato e al di fuori dei circuiti ufficiali della Borsa, le vendite sono arrivate a circa tredici milioni di dollari, ossia la metà della metà rispetto ai tre mesi precedenti. Un calo in picchiata.

Ovviamente questi dati si fanno evidenti e trovano conferma anche analizzando la media delle transazioni giornaliere, che passano repentinamente da circa duecento a meno di centonovanta milioni di dollari, con una volatilità 3,1% invece del precedente 3,6%.

Nonostante ciò, al momento XRP, insieme a tutti i suoi derivati, è diventato disponibile su più piattaforme che si occupano di prestiti e finanziamenti in criptovalute, come ad esempio SALT, Nexo, Celsius e Genesis.

Gli aspetti più significativi del Report di Ripple

Questo report ha creato molto interesse e molta attesa tra gli addetti ai lavori più interessati all’argomento e al settore e sicuramente non ha deluso le aspettative.

Bisogna considerare  che questo report è risultato essere  molto ricco e completo in quanto, al contrario di quello che molti addetti ai lavori potrebbero pensare, riporta molti dati, informazioni utili su molti servizi legati a Ripple e non solo quello che riguarda Xrp.

Facciamo un esempio!Proprio l’anno scorso e quindi nel 2019 il numero delle transazioni  ODL ha avuto un aumento assolutamente vertiginoso e significativo e nell’ordine del 390 per cento e non solo. Infatti anche il volume in dollari che ha avuto la negoziazione tramite On Demand Liquidity. ha avuto un incremento di circa cento volte dal Q1 al Q4 e per la precisione di circa del 650 per cento.

Ripple ha lanciato il sito web Xpring.io, che ha la funzione di fare da hub centrale che sarà utile per gli sviluppatori e un altro passo importante è stato quello di aver fatto un investimento in BRD. Quest’ultimo è uno dei wallet più antichi e affidabili nel settore crypto, che avrà come supporto base Xpring per poter riuscire a integrare nel migliore dei modi Xrp.

Altro investimento importante fatto da Ripple è stato in Bitso, che si può considerare senza timore di sbagliare il più grande scambio in Messico e che ha come obiettivo quello di sostenere l’importante corridoio US- MXN di Ripple Net.