Cosa succede quando rifiuti una raccomandata dalle Poste? Ecco la risposta

Molti cittadini credono che rifiutando una raccomandata dalle Poste o non andando alla Posta a ritirarla, può scansarsi dalle conseguenze. Niente di più sbagliato, perchè la notifica va avanti comunque. Quindi cosa succede quando rifiuti una raccomandata dalle Poste? Ecco la risposta.

Ecco cosa succede se rifiuti una raccomandata

Se la raccomandata viene inviata alla residenza anagrafica del destinatario che, però, non la ritira è ugualmente valida e produce tutti gli effetti previsti dalla legge. Se, infatti, il destinatario la rifiuta o non è in casa al momento della consegna, il postino deposita il plico presso l’ufficio postale dove resta per un mese. Si dice che la raccomandata è in giacenza. In pratica, durante tutto questo mese, il destinatario può decidere di andare alla posta e ritirarla, esibendo la ricevuta lasciata dal postino nella sua buca delle lettere.

Passato questo mese senza che la raccomandata sia stata ritirata, si forma la cosiddetta compiuta giacenza e la lettera viene restituita al mittente, producendo nei suoi confronti gli stessi identici effetti che si sarebbero prodotti se il destinatario l’avesse accettata o ritirata.


L'offerta del giorno
Festival dei Gufi - Tazza per Dottoressa con Originale Gufetta Laureata Portafortuna da caffè e Colazione da Regalare per Festa di Laurea con la scritta BUONGIORNO Dottoressa - Ceramica 350 ml
  • 🎁 UN’IDEA PERFETTA DA UTILIZZARE IN OGNI MOMENTO DELLA GIORNATA. È un portafortuna con il gufo, di buon auspicio per regalo laurea donna, utile alla persona che lo riceve e che sicuramente sarà in grado di strapparle un sorriso.

Il motivo è molto semplice. Secondo la legge, se la raccomandata viene spedita da un qualsiasi soggetto (una società, una persona, una Pubblica amministrazione) ma il destinatario, per una ragione qualsiasi, non la ritira, è come se la lettera fosse stata comunque ricevuta, a meno che il motivo del mancato ritiro non sia l’indirizzo sconosciuto.

Ciò significa che, se il plico contiene una diffida o una contestazione, si presume conosciuta dal destinatario. Ecco perché rifiutarsi di ritirare una raccomandata, anche fingendo di non essere in casa, non è una scelta che conviene. In sostanza, mancato ritiro equivale a presunzione di conoscenza: la lettera, cioè, si presume conosciuta a meno che il destinatario non riesca a dimostrare di non aver potuto sapere dell’invio. Anche perché se il postino non riesce a trovare il destinatario al suo indirizzo di residenza ma lo trova in un altro luogo la notifica è considerata ugualmente valida.