Bere birra causa il mal di testa? Ecco la verità

Capita, ogni tanto, di recarsi a un aperitivo con gli amici e orientare la propria preferenza verso un drink alcolico. Se si esagera però, si possono avere spiacevoli attacchi di emicrania. Ma questo discorso vale per tutte le bevande alcoliche o c’è qualche eccezione? Anche la birra causa il mal di testa? Ecco la verità.


L'offerta del giorno
Festival dei Gufi - Tazza per Dottoressa con Originale Gufetta Laureata Portafortuna da caffè e Colazione da Regalare per Festa di Laurea con la scritta BUONGIORNO Dottoressa - Ceramica 350 ml
  • 🎁 UN’IDEA PERFETTA DA UTILIZZARE IN OGNI MOMENTO DELLA GIORNATA. È un portafortuna con il gufo, di buon auspicio per regalo laurea donna, utile alla persona che lo riceve e che sicuramente sarà in grado di strapparle un sorriso.

Emicrania e alcolici

Bere birra causa il mal di testa? Ecco la verità

Può capitare a volte di percepire un forte mal di testa dopo aver bevuto alcolici. Certamente questo accade quando si esagera con i bicchieri di troppo, ma non è sempre così. Spesso il mal di testa ci colpisce anche se beviamo un solo drink.


L'offerta del giorno
Offerta
Il calendario del buongiorno 2024. Con leggio in legno f.to 10x14 - L'unico a colori - sul retro ha i fatti del giorno - le curiosità dal mondo - l'unico che si sfoglia a libro
  • Calendario 2024 formato 10 x 14 cm * Leggìo in legno di pioppo * 365 aforismi, i fatti del giorno e curiosità * Ogni mese un disegno diverso * Si sfoglia come un libro stampato tutto a colori

Perché succede questo? La colpa è di determinate sostanze come ad esempio l’anidride solforosa, presente nel vino. Questa è una causa scatenante di emicranie. Ora, abbiamo parlato di vino, di alcolici ma dunque questo problema può riguardare anche la birra, la bevanda fermentata amata da molti? 


L'offerta del giorno

Bere birra causa mal di testa così come lo fanno altri alcolici? Cerchiamo di chiarire questo dubbio.

Il discorso della birra: la verità vi stupirà!

Bere birra causa mal di testa? La verità vi stupirà! Alcune ricerche hanno dimostrato che, incredibilmente, la birra è un rimedio contro il mal di testa ed è più efficace del paracetamolo.


L'offerta del giorno
Festival dei Gufi - Tazza per Dottoressa con Originale Gufetta Laureata Portafortuna da caffè e Colazione da Regalare per Festa di Laurea con la scritta BUONGIORNO Dottoressa - Ceramica 350 ml
  • 🎁 UN’IDEA PERFETTA DA UTILIZZARE IN OGNI MOMENTO DELLA GIORNATA. È un portafortuna con il gufo, di buon auspicio per regalo laurea donna, utile alla persona che lo riceve e che sicuramente sarà in grado di strapparle un sorriso.

Secondo gli studi, due bicchieri di birra sarebbero utili a ridurre il malessere, derivante da un’emicrania, di almeno un quarto della sua portata. Il merito sarebbe da attribuire, in maniera incredibile, proprio all’alcol e alla sua azione analgesica: l’alcol fornisce infatti riduzioni clinicamente significative a riguardo dei punteggi di intensità del dolore.

Quando nel sangue aumentano i livelli di alcol in una percentuale pari almeno allo 0,08%, aumenta anche la tolleranza della soglia del dolore. Il malessere si percepisce quindi in maniera minore. L’alcol, in questo caso, può essere paragonato a farmaci oppiacei come la codeina, che sul corpo ha un effetto più potente del paracetamolo. 

Bere birra sì ma con moderazione

La birra dunque parrebbe scagionata dal pericolo dell’insorgenza del mal di testa. Ciononostante, va comunque consumata con moderazione e non si deve eccedere nel berne.

L’abuso di alcol può infatti provocare danni al sistema nervoso centrale come la perdita della memoria, del controllo delle emozioni e dell’equilibrio. L’innalzamento della soglia del dolore, benefico per la riduzione del fastidio provocato dal mal di testa,  riduce però anche la capacità di giudizio.

L’alcol irrita le mucose gastriche, favorisce l’ingrossamento del fegato, aumenta il rischio di cirrosi e tumori.

L’alcol contribuisce a causare difetti nella coagulazione del sangue e ne facilita la perdita con il sanguinamento. Aumenta poi i livelli di trigliceridi, inibisce gli acidi grassi, fa alzare la pressione arteriosa, porta allo sviluppo di insufficienza e aritmia cardiaca.

Pericolosissimo assumere alcolici in gravidanza: aumenta il rischio di aborto spontaneo e di sindrome alcolica fetale. Bere alcolici è poi sconsigliato anche durante l’allattamento.

Infine, quando l’assunzione di alte quantità di etanolo diventa cronica, si possono verificare crisi di astinenza con conseguente grave decadimento delle funzioni cerebrali.