man-791049_1920 (1)

Digital Coach: chi è e cosa fa

24Il mondo digitale è ampio e dalle mille sfaccettature, studiarlo integralmente potrebbe quindi non essere semplice. Tuttavia, affiancati dalle giuste figure professionali, si possono acquisire le nozioni essenziali per muovere i primi passi e persino lavorare nel settore. A tal proposito, negli ultimi anni si sta affermando sempre più il ruolo del digital coach, cioè il professionista in grado di aiutare a digitalizzare il business aziendale. Trovare una figura professionale di questo tipo è semplice, ad esempio, uno degli esponenti del settore è alessandropedrazzoli.com, da seguire anche per le numerose informazioni che fornisce sul blog. Altri siti interessanti da seguire sono digital-coach.it e dariovignali.net.

Come lavora un digital coach: una spiegazione dalle varie sfaccettature

La definizione di digital coach non può essere semplificata né come insegnante né come “allenatore” (traducendo letteralmente il termine coach). Per digital coach si intende il libero professionista che aiuta le piccole medie imprese, le aziende o chi ne abbia bisogno a potenziare i propri canali e strumenti digitali diventando più competitivi nella vasta rete online, suggerendo quali strategie di digital marketing adottare o azioni volte alla digitalizzazione. È, dunque, la figura che porta l’azienda ad ottenere risultati concreti e misurabili lavorando sui possibili problemi che impediscono al business aziendale di decollare, massimizzando la performance digitale.

Ovviamente, non ci si improvvisa digital coach, ma si studia, si approfondiscono gli argomenti del settore digital analizzandoli nelle diverse sfaccettature e solo chi avrà acquisito una formazione trasversale nel digital marketing potrà poi scegliere la sua area di specializzazione.

Il digital coach, infatti, può essere un esperto SEO o un social media manager, un visual e web design coach, un web content marketing coach o un web analytics coach. Cioè non basta solo “digital coach” per includere le “sfumature” che questo ruolo possa avere, proprio a seconda dell’area in cui ci si specializza. Sarà altrettanto essenziale essere sempre aggiornati sugli algoritmi ed essere competenti nell’utilizzo di tool professionali (es. per la ricerca di parole chiave se si voglia ottimizzare un contenuto).

Infine, resta alquanto imprescindibile un buon livello di organizzazione, specie se si voglia gestire un portfolio di clienti e i relativi task. Preparare quindi una linea di strategie, tenendo conto delle esigenze differenti per tipo di clientela, diventa la prima azione vincente per conseguire l’obiettivo finale di digitalizzazione.

Digital coach, una figura indispensabile per far crescere il proprio business

Per districarsi nella rete in modo giusto, è fondamentale avvalersi di un digital coach, cioè una figura professionale che conosca bene il settore e sia in grado di guidarci nello studio di tutte le strategie necessarie volte a raggiungere i nostri obiettivi. Il digital coach, infatti, avendo alle spalle un know how specifico e tecnico, saprà come muoversi e quali tecniche di comunicazione siano più efficaci per raggiungere il proprio target.

Non si tratta, quindi, solo di avere a disposizione un docente a cui fare delle domande su come impostare una campagna, come far crescere il traffico del proprio sito etc., ma di essere affiancati da uno specialista che prenda le decisioni migliori per far decollare il business aziendale sfruttando il vasto mondo del web.