Piante bruciate dal sole? Ecco come risolvere

Le elevate temperature originano una veloce perdita di liquidi della pianta e del terreno. Il colpo di calore per la pianta è contraddistinto da un’insufficienza idrica, originando gravi danni ai fiori e ai frutti. Se la pianta è disidratata sotto una certa soglia, la pianta non si ripiglierà più. Oltre alle alte temperature bisogna fare molta attenzione all’acqua. È fondamentale dunque sapere che insufficienze d’acqua frequenti con collasso della pianta, originano una crescita limitata della pianta. Ma non finisce qui: se la pianta arriverà ad essere disidratata sotto un certo limite, purtroppo non potrà più riprendersi.

Piante bruciate dal sole? Ecco come risolvere

Per i colpi di calore si può, innanzitutto, provare con la tecnica che gli esperti chiamano rianimazione. Se le foglie sono avvizzite bisogna provare a reidratare le radici per potergli apportare acqua. Lavorando in basso si potranno avere benefici nell’alto. Vi sono poi diverse tecniche contro il colpo di calore per gli esperti sono chiamate di rianimazione della pianta. Se le foglie sono sciupate bisogna provare a reidratare le radici per poter dare acqua al fogliame. In casi peggiori invece se la pianta non è stata innaffiata per parecchi giorni e il terreno risulta duro e compatto innaffiare solamente la pianta non avrà buoni risultati. Per far penetrare l’acqua nel terreno, sarà necessario bucherellare il terreno senza guastare la pianta e apportare acqua alle radici per immersione del vaso in un recipiente sufficientemente grande.

È importante innaffiare anche la parte aerea della pianta per farla recuperare più velocemente.Poi, la parte ustionata e seccata tende a lacerarsi, diventando fonte di proliferazione di batteri. Ciò potrebbe riscontrarsi anche nei frutti della pianta. In tale caso conviene togliere le foglie totalmente bruciate perché, non solo non si riprenderanno ma potrebbero perfino danneggiare la salute della pianta. Le ustioni sono semplici da identificare perché si mostrano solo nella parte esposta al sole. Grazie alla pacciamatura si conseguirà un terreno umido, minore evaporazione dell’acqua e meno stress per la pianta.

Si potranno anche impiegare dei teli ombreggianti per difendere le piante durante le ore più calde. Infine, si rivelerà tantoutile innaffiare le piante durante le prime ore del mattino ed evitare le potature in estate.