Cancro: fate attenzione a questi segnali, soprattutto di notte

Il cancro è una malattia degenerativa parecchio temuta, dai sintomi poco chiari e spesso confusi con altre patologie. Proprio per questo motivo, la prevenzione è importante, dato che serve una diagnosi tempestiva per cercare di curarlo al meglio.

Anche se non ce ne accorgiamo, sono parecchi i sintomi che potrebbero dare l’allarme. Alcuni, si vedono soprattutto di notte. Molti sintomi sono uniti a determinate tipologie della malattia, mentre altri sono più generali come la perdita di peso, la stanchezza o il dolore indefinibile.

Cancro: fate attenzione a questi segnali, soprattutto di notte

Di notte invece, può essere un segnale la sudorazione eccessiva. Può essere un sintomo, ma può essere dovuta al processo stesso del cancro. La sudorazione è un processo del tutto normale per il nostro organismo e anche se non ce ne rendiamo conto traspiriamo costantemente. Tuttavia, si tende a sudare di più quando: fa caldo, ci alleniamo, siamo nervosi, arrabbiati o sconvolti, attraversiamo la menopausa, siamo malati ed infine anche quando prendiamo farmaci che causano sudorazione.

Una delle cause però, più comuni della sudorazione, è appunto il cancro, questa infatti può innalzare la temperatura del corpo che a sua volta suda per cercare di diminuirla. Anche i mutamenti ormonali, dovuti per esempio a trattamenti come la chemioterapia, possono causare vampate di calore e sudorazione.

In particolare, le donne possono verificare una menopausa precoce durante il trattamento per il cancro al seno, causando anche in questo caso fiammate di calore e sudorazione. Alla stessa maniera, anche gli uomini possono sperimentare una sovrabbondante sudorazione nel trattamento ormonale per il cancro alla prostata o il cancro al seno, in quanto diminuisce la quantità di testosterone nel corpo.

Infine, anche medicinali e farmaci antitumorali possono procreare, come effetto collaterale, una sudorazione smisurata e vampate di calore. Ovviamente, non si può diagnosticare così un cancro, bisogna comunque consultare il medico per avere una diagnosi certa e tempestiva.