Bonus 200 euro, ecco chi deve richiederlo prima del 31 ottobre

Il concetto di bonus economico, inizialmente molto divisivo, è stato gradualmente considerato come “necessario” ed attualizzato sotto varie forme soprattutto durante il periodo costellato dalla pandemia e tutta una serie di problematiche che hanno messo in difficoltà ogni categoria di cittadino e lavoratore. Anche l’esecutivo Draghi ha sostanzialmente prorogato e confermato buona parte dei bonus sviluppati dal governo precedente, concentrandosi in modo particolare su quelli di natura economica diretta, ossia quelli che possono portare una quantità di denaro una tantum per le fasce più in difficoltà della popolazione, come il Bonus 150 euro e 200 euro.

Bonus 200 euro, ecco chi deve richiederlo prima del 31 ottobre

Concepito durante la fase centrale del 2022, il Bonus 200 euro è stato già erogato presso la maggior parte dei richiedenti: si tratta in misura generale di ogni forma di lavoratore/pensionato con una forma di reddito/pensione non superiore a 35 mila euro annui. Il Bonus 200 euro è stato già “pagato” durante l’estate ma categorie specifiche come i professionisti indipendenti e titolari di partita IVA hanno dovuto attendere il completamento della piattaforma per fare la domanda.

Hanno tempo di presentare la domanda, attraverso il portale INPS oppure attraverso l’operato di un Caf/Patronato gli autonomi senza partita Iva, dei titolari di rapporto in collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co), degli incaricati di vendite a domicilio, dei lavoratori stagionali, inclusi quelli del settore agricolo, e degli iscritti al Fondo pensione per i lavoratori del mondo dello spettacolo.

Gli autonomi devono essere iscritti alla  Gestione separata dell’Inps almeno dallo scorso 18 maggio, mentre i co.co.co devono aver lavorato almeno 50 giorni oppure presentato 50 giorni di contributi nel corso del 2021. Coloro che invece hanno già  beneficiato delle indennità Covid dello scorso anno, riceveranno in automatico il Bonus 200 euro senza dover necessariamente presentare la richiesta.

Questa può essere presentata attraverso il portale INPS adibito, effettuando l’accesso con una qualsiasi forma di identità digitale come SPID, CNS (Carta nazionale dei servizi) oppure CIE (Carta di identità elettronica).

Bonus 200 euro