Bonus genitori separati e divorziati: cos’è, chi può richiederlo

Viviamo in quella che è stata definita da qualcuno epoca dei bonus, che sono finiti rapidamente per essere anche parte di ogni campagna elettorale che si rispetti, arrivando anche ad essere un argomento divisivo, tra chi caldeggia la loro applicazione ed i loro uso, e chi tra invece li considera eccessivamente penalizzanti per lo stato. Ciò che è sicuramente vero è che durante la pandemia in particolare il numero di bonus è stato così elevato da rappresentare una normalità anche in contesti di “aiuto” non strettamente legati al Covid-19, ed anche il Bonus Genitori separati e divorziati non risulta essere il primo che viene in “soccorso” di una specifica categoria di figura genitoriale.

Bonus genitori separati e divorziati: cos’è, chi può richiederlo

Si tratta di un bonus di fatto già “ufficiosamente” comunicato durante la scorsa estate come parte della  legge n. 41/2021 e i cui criteri di erogazione sono stati individuati dal decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2022 ma che solo di recente è entrato in Gazzetta Ufficiale.

Come si evince dalla nota si tratta di una misura economica di supporto per i genitori separati o divorziati che devono provvedere al mantenimento dei figli conviventi minorenni o maggiorenni con handicap grave e che viene percepito in caso di idempienze di due tipologie come cessazione, riduzione o sospensione dell’attività lavorativa dell’ex, a decorrere dall’8 marzo e per almeno 90 giorni oppure in virtù di riduzione del reddito pari almeno al 30 per cento rispetto a quello percepito nel 2019. L’unico vero requisito per il richiedente è il reddito che non potrà superare i 8.174 euro. Si tratta di una misura importante ed in un certo modo “pionieristica” perchè è rivolta ad una cospicua fetta di genitori che non ricevono l’assegno di mantenimento o altra forma di agevolazione economica.

La misura si compone in una forma di assegno mensile dall’importo massimo di 800 euro valido per 12 mesi.

Non è ancora possibile effettuare la domanda, ma questa sarà effettuabile tramite via telematica con il Portale del Dipartimento per le politiche della famiglia.

Bonus genitori separati