“Il Canone Rai aumenterà”: ecco quali sono le novità per il 2023

Il rapporto tra “l’italiano medio” ed il Canone Rai è tendente al conflittuale in quanto costituisce una forma di obbligo di pagamento non così cospicua per buona parte della cittadinanza, ma che viene comunque evasa  o comunque reputata un fastidio, se non addirittura un’ingiustizia bella e buona. La nostra è una nazione di telespettatori numeri alla mano, ed è anche per questo motivo che sono molti a non ritenere giusto per principio l’idea di una tassa legata al possesso della TV, perchè è in buona sostanza di quello che si tratta. Il Canone Rai, termine impropriamente utilizzato per definire la tassa televisiva (in quanto non è un Canone ma un’imposta vera e propria), nel 2023 dovrà per forza di cose cambiare.

“Il Canone Rai aumenterà”: ecco quali sono le novità per il 2023

Questo perchè l’attuale formula che vede la tassa televisiva legata alla fatturazione dell’energia elettrica, non sarebbe conforme agli standard europei in tal senso, in quanto nessuna nazione del continente adotta una forma di pagamento della tassa televisiva “appoggiata” ad una fornitura energetica.

L’esecutivo che andrà formandosi nei prossimi giorni dovrà per forza di cose scegliere una nuova formulazione e le ipotesi sono varie.

E’ stato messo in conto una proroga di questa scadenza, con il Canone Rai che così sarebbe pronto a restare un altro anno in bolletta, oppure potrebbe essere utilizzato il caratteristico bollettino da pagare una volta l’anno come in passato. Altre ipotesi potrebbero portare il Canone da essere pagato direttamente nella dichiarazione dei redditi oppure unito ad altre tasse come quella della casa.

Il nuovo governo dovrà comunque inserire questa forma di cambiamento nella prossima legge di bilancio che secondo regolamentazione dovrà essere firmata entro la fine dell’anno.

Non sono esclusi aumenti d’importo, in quanto come specificato dall’amministrazione Rai, attualmente solo 1/3 paga il Canone Rai, e i 90 euro annui per nucleo familiare non sarebbero sufficienti.

canone rai