Inflazione in aumento, ecco le città più colpite

L’inflazione risulta esseree una delle principali problematiche da tenere conto, indifferentemente dal tipo di ordinamento giudirico e tipo di stato, in quanto esiste fin dall’antichità. Gli effetti dell’inflazione sono relativamente facili da individuare in quanto si conferisce questo nome alla perdita progressiva del potere d’acquisto del denaro, mentre è molto più complicato comprenderne appieno le cause, e quindi di conseguenza reagire con fermezza. In genere viene associata  all’aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi di beni e servizi in un determinato periodo di tempo, che genera una diminuzione del potere d’acquisto della moneta ma può incidere anche l’aumento dei prezzi di beni importanti, come sta avvenendo in questi mesi. E’ anche il caso dell’Italia che deve fare i conti con livelli di inflazione in aumento, ciò risulterà percepibile in particolar modo in alcune città piuttosto che in altre, andando ad evidenziare ancora di più la dispaarità che divide il nostro paese.

Inflazione in aumento, ecco le città più colpite

La perdita di valore del denaro ovviamente incide su praticamente ogni contesto conosciuto: secondo l’Ufficio studi della Cgia si parla di almeno 92 miliardi di euro di potere d’acquisto andati in fumo, ma non tutti divisi in modo più o meno equo tra le città italiane.

Tra le città che hanno avuto questa poco invidiabile forma di primato spiccano ovviamente le città che già affrontavano problematiche economiche corrlate.

In testa c’è Roma con 7,42 miliardi di euro di risparmi familiari “erosi”, poi Milano 7,39, poi decisamente più staccata c’è Torino 3,85, successivamente Napoli 3,33, a poca distanza Brescia e  Bologna 1,97.

Tra le cittadine meno “sfortunate” da questo punto di vista c’è Isernia con 153 e Crotone con 123 milioni.

Il Regno Unito ha apportato per contrastare l’inflazione un deciso taglio delle tasse ma questo è stato percepito negativamente dai mercati che hanno fatto quindi causato la perdita di potere della sterlina nei confronti dell’euro ed altre valute.

inflazione