Diventare ricchi con un terreno abbandonato è possibile: ecco come fare

Possedere un terreno o un immobile costituisce indubbiamente un vantaggio, in quanto a seconda della zona e dalla necessità è sia possibile utilizzarlo che adibirlo ad altri usi. Tuttavia non sono rari i casi in cui è possibile effettivamente osservare una forma di abbandono di tantissimi terreni abbandonati, sia allocati in zone del paese definibili “rurali” ma anche non lontano dalle grandi città. Le motivazioni che portano all’abbandono di queste porzioni di terreno sono molte, da quelle logistiche, a quelle economiche, ma un terreno abbandonato può essere effettivamente remunerativo se riqualificato e reso effettivamente utile per un guadagno.

Diventare ricchi con un terreno abbandonato è possibile: ecco come fare

E’ importante ricordarsi dell’ovvio, ossia che non tutti i terreni sono effettivamente uguali e non tutti offrono le medesime possibilità. Solitamente si suddividono questi territori tra due tipologie, quelli effettivamente anche esteticamente abbandonati, oramai passati sotto la gestione del comune, che tramite richiesta possono essere utilizzati più o meno liberamente, e quelli che invece sono di proprietà di qualcuno.

Nel primo caso può scegliere cosa farne, ricordando che ogni terreno ha una spesa di mantenimento e dopo un sufficiente numero di anni (solitamente tra i 10 ed i 20 anni)  il terreno diventa nostro tramit l’usucapione. Nel secondo caso si contatta direttamente il proprietario per chiederne la vendita, l’affitto oppure per utilizzare il terreno attraverso l’usufrutto.

Decisivo comprendere che è meglio non “focalizzarsi” su cosa vorremo farci noi del terreno ma su quello che è in grado di offrire. In genere le strade intraprese per renderlo remunerativo sono due, la prima legata allo sfruttamento delle proprietà agricole attraverso la coltivazione di vegetali oppure tramite allevamento di animali, mentre la seconda è incentrata a rendere il terreno spazio ludico, oppure come campo sportivo vero e proprio.

Vanno valutati vari fattori, come la logistica, ad esempio la distanza dai luoghi abitati, oltre alle potenzialità del terreno attraverso una figura esperta come può essere l’agronomo.

terreno abbandonato