allerta bancomat non abilitato multa prelievi prelevare

Bancomat, ecco la novità: stop ai prelievi in tutta Italia

Le novità che riguardano il mondo Bancomat potrebbe far dire stop ai prelievi in tutta Italia. Sono ben due le notizie che stanno mettendo preoccupazione ai risparmiatori italiani e a chi utilizza spesso il Bancomat per i propri acquisti. La prima è una tendenza che si verifica da tempo, che ha accelerato di recente e che non sembra fermarsi.

La seconda è invece è una vera e propria novità, ancora non ufficiale, che potrebbe rivoluzionare i rapporti tra i clienti e le banche, e vede alla base una questione annosa come quella della commissione interbancaria. In questo articolo approfondiamo entrambi i temi, sempre con un occhio di riguardo agli utenti finali.

Bancomat: stop ai prelievi in tutta Italia

I bancomat stanno rapidamente diminuendo sul territorio nazionale. La tendenza preoccupa i risparmiatori: si arriverà a non prelevare più? In realtà già in molte zone d’Italia, quelle meno popolose e dove aumenta la desertificazione commerciale, non è inusuale doversi spostare di uno o più comuni per poter prelevare del denaro. Avviene regolarmente in Umbria, ma anche in alcune zone interne della Calabria e della Puglia.

Sono tanti i comuni dove le banche non gestiscono più alcuna filiale e dove, di conseguenza, sono spariti anche gli sportelli Bancomat. Difficile immaginare che possa avvenire anche in città, ma la spinta all’utilizzo della moneta elettronica e dell’home banking ha già convinto almeno un istituto di credito, ING Direct, ad eliminare del tutto i costi di gestione del contante e degli sportelli Bancomat.

Ecco la novità: cosa accadrà alla commissione di prelievo

Il prossimo 31 Ottobre 2022 l’Antitrust deciderà sullo spostamento dell’addebito della commissione interbancaria in via diretta all’utente che preleva denaro presso una banca diversa dalla propria. Oggi la commissione ha un tetto massimo di 0.50 centesimi di Euro, ma le banche caricano i propri clienti di ulteriori costi (si arriva generalmente a 2 euro, a volte anche a 3) per coprire i costi di gestione delle pratiche.

Queste pratiche così scomparirebbero, e infatti le banche hanno già chiesto l’aumento del tetto massimo della commissione di prelievo da 0.50 centesimi a 1.50 Euro. È probabile che questo, di fatto, non faccia cambiare alcunché nelle tasche dei clienti, ma possa portare ad un aumento degli introiti delle banche a seconda della quantità di prelievi che garantiscono ad utenti di altri istituti.

Un’altra novità sulla quale dovrà decidere l’Antitrust è la possibilità per le persone di prelevare attraverso il POS. In questo caso sembrano coinvolti solo gli esercenti con importanti disponibilità di contante: benzinai, tabaccai, supermercati.

allerta bancomat non abilitato multa prelievi prelevare