Come leggere la busta paga? Ecco le voci da attenzionare

Da sempre “simbolo del lavoro” regolare, in quanto rappresenta la prova provata di un’effettiva prestazione professionale per i lavoratori dipendenti, la busta paga costituisce una forma di “conquista” dell’ambito lavorativo, il cui nome deriva dalla busta vera e propria che veniva utilizzata per consegnare il salario ai dipendenti. Sostanzialmente è una forma di documentazione che viene erogata dal datore di lavoro al dipendente e contiene al suo interno una lunga serie di informazioni, a partire da quelle anagrafiche, passando per quelle lavorative fino a quelle fiscali e contributive.

Come leggere la busta paga? Ecco le voci da attenzionare

Quasi sempre la busta paga viene attesa ed ambita per motivazioni pratiche: indica infatti in senso generico l’arrivo del salario e l’occhio “cade” sul fondo, dove è riportato l’importo effettivo percepito.

La busta paga contiene un numero importante di informazioni, non tutte facili da comprendere. La parte iniziale è quella dove sono indicate le informazioni anagrafiche del lavoratore e del datore di lavoro, ma anche il mese di riferimento e i nessi contrattuali, il livello d’inquadramento in base al CCNL di riferimento e la mansione per la quale si è stati assunti nonchè la data di assunzione.

La parte centrale è probabilmente quella più interessante: sono infatti riportati i dettagli relativi alla prestazione lavorativa, nei termini di ore ordinarie, lavorative, ma anche ogni forma di indennità, quindi giorni di ferie goduti, i permessi vari, le festività, la malattia, l’infortunio, la maternità e simili. Se previste, sono contenute anche le informazioni relative a tredicesima e quattordicesima. In alto sono presenti informazioni importanti come paga base (o minimo tabellare), l’E.D.R. (Elemento Distinto della Retribuzione) pari ad un importo fisso 10,33 euro per tredici mensilità per tutti i dipendenti, e gli scatti di anzianità ossia quegli aumenti periodici disposti dal CCNL e monetizzati in base al livello.

In fondo prima dell’importo dello stipendio sono riportati tutti i dati fiscali e previdenziali, quindi le trattenute varie e i contributi versati sia da parte del datore di lavoro che dal lavorante. Presente inoltre il calcolo del TFR (Trattamento di Fine Rapporto), legato al valore annuo , che effettuato sommando le mensilità lorde maturate diviso 13,5 con l’imponibile TFR, a sua volta pari alla somma di tutte le quote maturate anno per anno. Si tratta della liquidazione, ossia l’importo che viene percepito in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

busta paga