ISEE, come si calcola? Ecco la guida completa: “fate attenzione a”

Comprendere la condizione economica in senso generale di un contesto familiare risulta essere indispensabile per lo stato per comprendere lo stato dei nuclei familiari, e queste informazioni sono divenute ancora più importanti nell’ottica dei cosiddetti ammortizzatori sociali, come i vari bonus ed agevolazioni ma anche come le prestazioni economiche legate ad esempio al Reddito di Cittadinanza. L’ISEE, ossia l’indicatore della situazione economica equivalente esiste da svariati decenni e rappresenta oggi una delle “pratiche” maggiormente gestite dai vari operatori di Caf/Patronato presenti sul territorio nazionale proprio per avere accesso ad una platea oramai molto diversificata di agevolazioni. Ma come si calcola?

ISEE, come si calcola? Ecco la guida completa: “fate attenzione a”

L’ISEE viene spesso indicato come un indicatore di ricchezza ma più precisamente serve per evidenziare, attraverso un valore espresso in termini numerici, lo stato economico di un nucleo familiare, prendendo in considerazione il reddito di ogni componente del nucleo, il patrimonio mobiliare e immobiliare nonchè il numero e le caratteristiche del nucleo familiare. Dal punto di vista tecnico si può fare la richiesta dell’ISEE attraverso la DSU, ossia la Dichiarazione Sostitutiva Unica, e più in generale il calcolo è costituito dalla misurazione dei redditi di ogni componente (ISE) più il 20% del patrimonio mobiliare e immobiliare. Dopodichè si divide l’ISE per il parametro della scala di equivalenza.

Questa scala prende in considerazione il numero dei componenti assegnando un valore diverso in base alla quantità:

  • 1 componente: 1,00;
  • 2 componenti: 1,57;
  • 3 componenti: 2,04;
  • 4 componenti: 2,46;
  • 5 componenti: 2,58.

Al quale vanno aggiunte ulteriori maggiorazioni nei seguenti casi:

  • 0,35 per ogni ulteriore componente;
  • 0,5 per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente;
  • 0,2 in caso di presenza nel nucleo di tre figli, 0,35 in caso di quattro figli, 0,5 in caso di almeno cinque figli;
  • 0,2 per nuclei familiari con figli minori, elevata a 0,3 in presenza di almeno un figlio di età inferiore a tre anni compiuti, in cui entrambi i genitori o l’unico presente abbiano svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell’anno di riferimento dei redditi dichiarati.

E’ possibile fare richiesta presso qualsiasi Caf/Patronato oppure attraverso il portale dell’INPS, che mette a disposizione uno strumento per “simulare” un calcolo dell’ISEE.

Per l’ISEE 2022 occorrono i seguenti documenti:

  • codice fiscale dei componenti il nucleo familiare;
  • documento d’identità;
  • dichiarazione dei redditi e certificazione unica dei redditi;
  • Eventuale contratto d’affitto e copia dell’ultimo canone versato
  • saldo contabile dei depositi bancari e postali
  • estratti conto con giacenza media annuale dei depositi bancari e postali al 31 dicembre del secondo anno precedente (2020 nel caso dell’Isee 2022)
  • eventuali titoli posseduti;
  • dati patrimonio immobiliare così come risultanti da visura catastale
  • eventuale contratto di assicurazione sulla vita.

ISEE