10 lire spiga

Quanto valgono le 10 lire con la spiga? La risposta toglie il fiato

Il ricordo della lira, in senso generale è ancora molto “fulgido” e presente nella memoria degli italiani non più giovanissimi: nel 2002 infatti l’euro ha ufficialmente e definitivamente preso il posto della tradizionale valuta italiana, al pari di quanto accaduto con le analoghe degli altri paesi europei. Non è un caso che le emissioni più famose siano state anche quelle più longeve, sopratutto quelle che hanno avuto un ruolo rilevante anche dal punto di vista culturale. La 10 lire con la Spiga è indubbiamente una di questa, emissione diffusissima per circa mezzo secolo, ma che in particolari casi può essere anche molto remunerativa.

Emissione repubblicana

La 10 lire Spiga è stata coniata dal 1951 fino al 2000, anche se ha trovato la massima diffusione fino agli anni 90, a causa dell’inflazione. Si tratta di una moneta indiscutibilmente legata all’Italia repubblicana, con una raffigurazione emblematica: sul dritto è presente il valore nominale oltre alla caratteristica spiga. In basso è presente la firma dell’incisore Romagnoli, mentre sull’altro lato è presente un aratro, altro simbolo della “terra”, oltre alla dicitura della Repubblica italiana e l’anno di coniatura. Tutte le 10 lire Spiga sono realizzate in Italma, un lega basata sull’alluminio.

Quanto valgono le 10 lire con la spiga? La risposta toglie il fiato

Quasi 2 milardi di monete coniate in quasi mezzo secolo (la produzione fu arrestata nel 1956 e ripresa nel 1965) non rendono la 10 lire una emissione rara, ma alcune annate sono interessanti: una 10 lire in perfetto stato del 1954 può valere anche fino a 150 euro. Interessanti anche gli errori di conio come quello abbastanza noto nel 1991 che ha portato diverse monete ad essere coniate per errore con il Verso (ossia il lato con l’aratro) capovolto rispetto all’altro lato. Questo conferisce a queste monete un valore sensibilmente più alto del normale, che può raggiungere anche i 170 euro.

Le altre monete coniate negli anni 50 valgono al massimo 25-30 euro.

10 lire