Allerta SPID Poste Italiane: ecco cosa può accadere se…

Lo SPID è un servizio utilissimo per accedere a diversi servizi delle Poste, dell’Inps e dell’Agenzia delle entrate, ma bisogna fare attenzione, ecco cosa può succedere…

Cos’è e come funziona

Lo SPID rappresenta uno dei principali strumenti messi a disposizione dal Governo come sistema di riconoscimento digitale che permette ai cittadini autonomamente di fare tante cose. Per ottenerlo è necessario presentare un’iscrizione a Poste Italiane, ma anche altri server come Aruba ad esempio, i dati anagrafici, indirizzo email valido, documenti di riconoscimento validi e numero di telefono attivo.

Successivamente si fa un autentificazione di questi dati con videochiamata ad esempio, per capire se corrispondono alla persona giusta.

Tutti i provider si assicurano che la persona che ha fatto richiesta online sia la stessa persona che dichiara di essere dai documenti. Alcuni chiedono il riconoscimento può essere effettuato sia online che di persona presso il proprio domicilio, oppure nel caso di Poste.it all’ufficio postale.

Nel 2020 il riconoscimento presso il proprio domicilio si pagava 14,50€, mentre all’ufficio postale era gratis, ora si paga 12€.

Allerta SPID: cosa accade se…

Come tutti gli strumenti tecnologici, soprattutto di Poste Italiane, spesso ci sono problemi ad utilizzarlo; Inoltre, da quando c’è stato un boom di richieste per questo servizio, sono aumentati anche i messaggi phishing.

Infatti in tanti, hanno riscontrato questo problema; tramite sms si allude a problemi relativi a quest’identità digitale con un link che porta ad un sito. Attenzione a cliccare perché in un baleno, possono rubarvi le credenziali e avere vostri dati estremamente sensibili.

Lo fanno senz’altro per fare truffe o cose illecite online, quindi attenzione a questi messaggi!

Un po’ di tempo fa, ne ha parlato anche Chi l’ha visto; ha citato questo disagio che molte persone hanno e spesso perdono la loro identità digitale per questo. Il consiglio è di eliminare questi messaggi!

E se non funziona veramente? ecco i motivi

Ci sono diversi motivi per cui non funziona, non sempre vi rubano le credenziali! Può dipendere dal provider, dal sito in cui si vuole entrare e dallo spid stesso; soprattutto con Poste che spesso non funziona!

Innazitutto bisogna capire se si hanno le credenziali d’accesso giuste, perciò sarebbe opportuno scriverle e conservarle bene!

Poi è opportuno precisare che se si immettono le credenziali sbagliate troppe volte, si bloccherà il servizio e solo dopo 30 minuti vi si potrà accedere!

Una volta accertato che le credenziali sono ok, si può fare un secondo passaggio.

Lo spid poste infatti potrebbe non funzionare durante alcuni giorni, definiti “click day”, quando si aprono le domande per alcuni fondi pubblici. In queste giornate si connettono in tanti e potrebbe non funzionare bene il servizio perché intasato.

Potrebbero non essere accettate le credenziali di spid poste (ma anche degli altri portali fornitori di spid), perché è il sito stesso che in quel momento ha un disservizio e quindi potreste spaventarvi. Pensate a tante ipotesi prima di arrivare al “furto d’identità” e state attenti a certi messaggi e vedrete che non ci sono problemi!