busta paga

Busta paga 2022: chi ha diritto agli aumenti? Ecco la lista completa

I tempi di crisi sono sempre più costanti e in un certo senso oramai fanno parte della normalità: in particolare “certezze” come pensione e busta paga sono costantemente messi a rischio da fattori più o meno dipendenti dalla situazione italiana. La busta paga infatti costituisce non solo il “documento” che certifica un pagamento nei confronti del lavoratore dipendente ma anche simbolicamente la situazione professionale del nostro paese. Quali sono le categorie di lavoratori che percepiranno degli aumenti in busta paga nella seconda metà del 2022?

Busta paga 2022: chi ha diritto agli aumenti? Ecco la lista completa

Tra giugno e luglio saranno completati i pagamenti legati agli aumenti e gli arretrati per i dipendenti pubblici, che proprio alla fine della primavera hanno visto un rinnovo del contratto, con adeguatamento mensile per adattarsi ai termini dell’inflazione odierni. Sulle buste paga di luglio saranno erogati gli arretrati relativi al periodo del triennio 2019-2021. L’importo variabile calcolato è tra 1.300 euro ed i 2.600 euro per gli impiegati dei  ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici. Gli aumenti mensili da qui in poi sono calcolati tra i 63 ed i 117 euro lordi a seconda della posizione economica.

A luglio saranno erogati anche gli oramai “famosi” 200 euro in busta paga, “conseguenza” di un decreto legato alla necessità di fronteggiare la crisi, ed è rivolto ai dipendenti,autonomi e pensionati con redditi fino a 35mila euro lordi, ma anche aidisoccupati, stagionali, colf e precettori del Reddito di cittadinanza. Per gli autonomi sarà sviluppato nel corso delle prossime settimane, un “fondo a parte” così da permettere anche a questa categoria di usufruire del bonus da 200 euro.

Oltre a questa agevolazione, sono previsti ulteriori 100 euro in busta paga, frutto della modifica del Cuneo fiscale per chiunque guadagna 15 mila euro o meno. Quest’ultima forma di bonus è stata concepita dopo la recente riforma IRPEF.

busta paga