bancomat smagnetizzato

Bancomat, da questa data cambia tutto: ecco le novità. “Pazzesco”

Il mondo dei pagamenti digitali è in subbuglio, pur senza voler esagerare: il processo di assimilazione della moneta elettronica, sta attraversando una fase importante, anche se molti non se ne sono ancora accorti completamente, in quanto sopratutto in un contesto sociale come quello italiano, fortemente legato al denaro contante, ciò avviene (e sta accadendo) in maniera graduale.

No al contante

Perchè tutta questa necessità di questo “cambio di rotta”? Cosa ha il contante di “sbagliato”? E’ una domanda che in molti continuano a chiedersi, magari ipotizzando teorie più o meno “complottiste” in merito. In realtà la motivazione è molto semplice in quanto pratica: il denaro liquido, rappresentato sopratutto dalle banconote è inevitaiblmente soggetto alla falsificazione e sopratutto alla scarsa tracciabilità anche in fase di acquisto.

Per questo motivo il denaro contante viene utilizzato anche e sopratutto, in quantità considerevoli, per eludere i controlli fiscali e per favorire il riciclaggio di denaro e il lavoro nero.

Bancomat, da questa data cambia tutto: ecco le novità. “Pazzesco”

In quest’ambito il Bancomat inteso come possibilità di prelevare presso gli ATM e di pagare attraverso una tessera di pagamento risulta essere fondamentale, ma se l’ultimo processo è sempre più diffuso, l’azione del prelevare sarà sempre più rara, anche perchè la linea adottata dalle banche segue questa politica cashless, ossia votata all’inutilizzo di moneta fisica. Ogni anno sono chiusi numerosi ATM anche se prima del prossimo decennio il denaro liquido continuerà ad essere considerato come “valuta principale” come diffusione, almeno nel nsotro paese.

Ciò che è destinato a cambiare a breve è sopratutto il contesto legato alle commissioni applicate ai prelievi, in sostanza quelle che sono ravvisate al momento dell’operazione quando ci apprestiamo a prelevare presso uno sportello che non fa parte della nostra banca. Per quanto riguarda il circuito Bancomat, questa commissione è fissata a 49 centesimi di euro per singolo prelievo, ma a partire dal prossimo ottobre potrebbe diventare non più fissa ma “flessibile”, in base alla banca.

bancomat smagnetizzato