moneta quercia moneta aquila100 lire timone valore vale casa antica lire

Se trovi questa moneta da un euro puoi diventare ricco sfondato: “Vale 20 mila euro!”

Le monete da un euro che oramai non sono più in circolazione o sono state stampate sbagliate valgono una fortuna. Non è semplice trovare questo tipo di monete (altrimenti il loro prezzo non sarebbe così alto) ma se si ha la fortuna di intercettarne una e la si mette in vendita si possono guadagnare delle cifre da capogiro.

Gli appassionati della numismatica sono molto numerosi e si scambiano informazioni e pettegolezzi proprio come se fossero un club esclusivo. Entrarci non è semplice perché si tratta di persone piuttosto evasive e diffidenti ma una volta che si riesce a entrare nel giro si spalanca un modo di informazioni e aneddoti succosissimi.

Per capire il mondo del collezionismo, soprattutto quello che riguarda le monete, bisogna diventare degli esperti non solo riguardo il prezzo di mercato ma anche del contesto storico in cui una moneta diventa collezionabile. Il motivo del suo valore si lega spesso a un evento storico accaduto in un determinato anno.

La moneta da 1 euro e da 2 euro sono quelle che troviamo con maggiore frequenza nella rete dei collezionisti perché con l’avvento dell’euro, ci sono stati molti errori di stampa e degli eventi o commemorazioni che hanno dato vita a monete particolari. Due in particolare te le voglio illustrare in questo articolo perché valgono davvero una fortuna.

Moneta da un euro che vale una fortuna

La moneta italiana da un euro come ben sappiamo presenta una facciata che corrisponde a tutte le altre monete europee e una strettamente collegata all’Italia. La nostra nazione ha deciso di onorare in uno dei tagli di moneta fra i più grandi il genio di Leonardo da Vinci. E l’ha fatto imprimendo l’immagine dell’Uomo Vitruviano.

La moneta da un euro che raffigura una ‘R’ posta sulla sinistra dell’Uomo Vitruviano è la moneta classica che troviamo tutti i giorni in circolazione. E che sicuramente possediamo anche nel nostro portafoglio. Ma se questa ‘R’ è assente allora è come se avessimo vinto la lotteria perché quella moneta vale una fortuna.

Il pezzo è stato coniato per sbaglio ed è quindi molto raro. Se la troviamo, magari in perfette condizioni o a ‘Fior di conio’ come si dice in gergo, potremmo guadagnare l’intero valore che si aggira sui 40 mila euro. Se invece presenta una ‘S’ sul bordo dorato la quotazione si avvicina ai 20 mila euro.

I prezzi sono calcolati su una moneta che appare appena stampata e che quindi non è quasi mai entrata in circolazione, evitando quindi l’effetto di ossidazione tipica delle monete che scambiamo tutti i giorni. Pertanto, chi la vende significa che l’ha ottenuta in qualche modo e l’ha conservata senza farla circolare. Oppure conosceva da subito l’errore e ha aspettato il momento propizio per metterla in vendita.

Ma qualora tu non fossi un esperto e ti ritrovassi per le mani una di queste monete ti converrebbe contattare un esperto così da valutare assieme il migliore metodo di vendita e il canale indicato. Così da non incorrere in truffe o raggiri che in questo campo sono piuttosto frequenti.