conto cointestato corrente

Se apri un conto corrente stai attento a questo limite: ecco i rischi

Il Conto corrente è un diffuso strumento di tipo economico finanziario, che permette alle aziende ed imprenditori, ma anche ai privati. Questo permette l’accumulo di denaro attraverso l’azione delle banche, istituti che mettono a disposizione altri strumenti relativi, come la possibilità di prelevare denaro tramite una carta prepagata/bancomat, l’utilizzo degli assegni, eccetera.

Il Conto Corrente con la diffusione di internet ha iniziato a diffondersi sopratutto nelle tipologie esclusivamente digitali e anche se si tratta di strumenti di indubbia utilità e tendenzialmente più “sicuri” di altri, questi presentano dei limiti.

Se apri un conto corrente stai attento a questo limite: ecco i rischi

Uno dei più chiacchierati è relativo alla quantità di denaro che è possibile prelevare senza problemi. Nello specifico si fa riferimento ai limiti legati ai contanti, che per tutto il resto del 2022 sono costantemente sotto la “lente di ingrandimento” dello stato, che da molti anni cerca di limitarne la diffusione, essendo un “veicolo” di fenomeni come l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro, da sempre problemi che “erodono” miliardi di euro ogni anno.

Generalmente importi di contante inferiori a 10 mila euro al mese non “mettono in allarme” la banca, ma cifre superiori portano l’UIF, l’Unità di Informazione Finanziaria ad indagare sulla finalità di questi prelievi che possono effettivamente essere legati ad operazioni illecite.

Dal punto di vista dei bonifici, non risultano esserci veri e propri limiti, sopratutto se questi sono effettuati e ricevuti da altri paesi dell’area SEPA, mentre bonifici ricevuti da nazioni che non ne fanno parte, quindi extra europee, se superiori a 15 mila euro richiedono di essere “giustificati” dal punto di vista legale e fiscale, attraverso una dichiarazione da parte del titolare, altrimenti scattano multe anche molto salate (da 2000 fino a 50 mila euro, a seconda dell’importo) e con la possibilità di vedersi congelato il proprio conto corrente.

conto cointestato corrente