terreno abbandonato

Se hai un terreno abbandonato sei ricco sfondato: ecco perché

Nessun investimento è totalmente sicuro, sopratutto nel lungo periodo: scelte sbagliate, tempistiche errate e spesso anche eventi non dipendenti dalla volontà, come abbiamo imparato a conoscere negli ultimi anni possono seriamente mettere a repentaglio una forma di investimento un tempo florido. Un terreno abbandonato può esserne il sintomo principale, anche se può significare anche altre dinamiche, che portano in molti casi all’abbandono di una porzione di terra. Come abbiamo affrontato nel recente passato con le Case a 1 euro, il concetto di rivalutazione può portare a risultati tangibili.

Se hai un terreno abbandonato sei ricco sfondato: ecco perché

Un terreno abbandonato può infatti essere assolutamente interessante, e non è strettamente necessario effettuare investimenti importanti per farlo “fruttare”. Se siamo già titolari di un terreno è essenziale capire da subito dove è necessario orientarsi: se si tratta di una località “fuori mano” può essere indubbiamente vantaggioso convertirlo alla coltivazione, se il terreno risulta essere compatibile, puntando su investimenti particolarmente in voga (ad esempio le bacche di goji, aloe vera, lavanda, tutti prodotti che sono utilizzati e richiesti in vari ambiti). In caso contrario è possibile investire una quantità di denaro moderata sull’allevamento di api per ottenere il miele oppure di lumache, queste ultime richieste sia dal settore gastronomico che ad esempio quello cosmetico. In tutti i casi è anche possibile semplicemente offrire, “tramite affitto”, il nostro territorio per la coltivazione/allevamento, guadagnando una parte dei frutti.

Se il territorio risulta essere invece opportunamente vicino ai centri urbani, l’opzione “sportiva” risulta essere potenzialmente molto interessante, sopratutto per le stagioni contraddistinte da temperature adatte: campi da calcetto, padel, tennis e quant’altro possono rappresentare una fonte di guadagno importante.

Un terreno abbandonato può essere ovviamente venduto, donato oppure essere “guadagnato” attraverso il testamento, ma anche attraverso il concetto di usucapione, che fa guadagnare il possesso e la proprietà legalmente di un territorio non reclamato per 10 anni.

terreno abbandonato