terreno abbandonato ricchi

Diventare ricchi con un terreno abbandonato è possibile: ecco come

Non esistono investimenti sicuri, anche quelli più apparentemente solidi, perchè il mondo, sopratutto quello moderno così pieno di fattori e dinamiche, appare in continua trasformazione: non è un caso che imprese ed aziende un tempo floride vadano incontro a diverse situazioni di crisi, più o meno dipendenti dalle loro capacità. Anche investire sul “mattone” (ossia sull’acquisto di immobili) e su terreni può rivelarsi infruttuoso. Ma dove qualcuno “alza bandiera bianca“, qualcun altro può essere pronto a sfruttare la situazione, anche un terreno abbandonato. E’ possibile diventare ricchi?

Diventare ricchi con un terreno abbandonato è possibile: ecco come

Un terreno abbandonato infatti può rivelarsi una inaspettata fonte di guadagno, anche senza spendere cifre folli in fase di investimento ma con un’adeguata gestione: prima di tutto conviene pensare nel medio-lungo periodo e non considerare l’acquisizione di un terreno fonte di guadagno immediata. E’ utile sfruttare le opportunità che il contesto può fornirci: un terreno abbandonato può essere acquisito con facilità, a volte a titolo gratuito o quasi direttamente dal proprietario (che magari ha intenzione di disfarsene), oppure semplicemente iniziando a lavorare su un terreno effettivamente non appartenente a nessuno. Per la legge dell’usucapione dopo 10 anni quel territorio, se non reclamato, diventa di nostra proprietà.

Per sfruttarlo le possibilità possono dipendere dalla nostra capacità economica ma anche mentale: è possibile riconvertire un terreno alla coltivazione (in questo caso è utile affidarsi al giudizio di un agronomo), puntando magari sulla produzione di prodotti in voga (come l’aloe vera, la funghicultura, l’apicultura, così come anche, bacche di goji, zafferano, lavanda e simili. Esiste anche la possibilità, piuttosto diffusa di delegare a professionisti ed appassionati tutta la gestione produttiva attraverso l’orto in affitto.

E’ possibile anche riconvertire un terreno ad uso sportivo, sopratutto per le stagioni meno rigide: calcetto, padel, tennis ma anche piste di go kart e simili, dietro opportuno investimento, ovviamente. In questo caso conviene calcolare le distanze tra i centri urbani ed il nostro terreno, fattore che potrebbe effettivamente fungere da ago della bilancia tra un terreno di successo ed uno che si “taglia le gambe” in partenza.

terreno abbandonato ricchi