Postepay, non usarla a questo orario: ecco perché. “Pazzesco”

Postepay è uno dei servizi telematici e prodotti maggiormente utilizzati nel nostro paese da quasi 20 anni. La prima forma di carta Postepay è stata infatti realizzata e distribuita nel 2003, contesto piuttosto differente da quello odierno, oramai contraddistinto da un concetto di moneta elettronica che ha trovato nuovi sbocchi. I servizi telematici di Poste Italiane, dal 2018 controllati dalla SpA omonima, con le numerose “evoluzioni”, hanno permesso a Postepay di restare competitiva a rimanere la principale competitor sul mercato delle carte prepagate.

Diffusione ed evoluzione

Il successo infatti deriva da una semplicità di utilizzo dei prodotti, che possono essere liberamente ricaricati attraverso gli uffici postali e le ricevitorie abilitate (solitamente, quelle presenti presso i tabaccai muniti di affiliazione Lottomatica), e con la diffusione degli smartphone, l’applicazione è stata costantemente aggiornata e migliorata così da integrare le tipiche funzioni paragonabili a quelle delle carte conto, come la possibilità di “spostare” denaro tra utenti, effettuare ricariche e pagare bollettini.

Postepay, non usarla a questo orario: ecco perché. “Pazzesco”

Se le prepagate utilizzano un circuito di pagamento analogo a quello di tutte le carte di pagamento (Visa o Mastercard, a seconda delle versioni) Postepay sfrutta dei server proprietari per gestire i propri servizi, sia quelli che fanno funzionare l’applicazione, sia quello relativo agli ATM delle Poste. In entrambi i casi, molti utenti hanno segnalato (e continuano a farlo) in merito una difficoltà ad accedere ai tradizionali servizi di accesso a Postepay.

Ciò avviene sia tramite l’app, sia attraverso il sito ed anche quando si prova a prelevare o effettuare qualsiasi altra forma di operazione. Solitamente viene evidenziato un messaggio come questo: “Servizio temporaneamente non disponibile” oppure “Siamo spiacenti ma per motivi tecnici l’operazione non può essere momentaneamente eseguita”.

Non è un vero e proprio malfunzionamento ma una normale operazione “di routine” ordinata da Poste Italiane che si manifesta nel lasso di tempo che va dalle 2:00 alle 4:00 del mattino del secondo giorno lavorativo della settimana. Negli altri giorni il disservizio solitamente ha durata di una decina di minuti a partire dalle 2 di notte.

pagare postepay truffa notte non funziona