50-lire

Quanto valgono le 50 lire con Vulcano? “Da non credere”

Poche monete hanno avuto una diffusione maggiore della 50 lire Vulcano, ossia una delle monete in assoluto più longeve della storia italiana. E’ stata coniata in maniera continua per quasi mezzo secolo ed utilizzata fino al 2002, anno di “uscita di scena” della lira.

Com’è fatta

La produzione, iniziata nel 1954, ha trovato conclusione nel 1989 quando è stata sostituita dalla poco apprezzata variante Piccola (chiamata Vulcano 2° tipo), e dalla successiva Italia turrita. La Vulcano resta la più diffusa in assoluto, ed è riconoscibile per la raffigurazione del dio romano del lavoro e del fuoco mentre batte il martello su un’incudine. Sullo stesso lato è riportata l’anno di coniatura e il simbolo della repubblica italiana (una R). L’altro lato è dominato da un profilo femminile contornato dalla scritta REPVBBLICA ITALIANA mentre in basso i nomi degli incisori Romagnoli e Giampaoli Inc.

Quanto valgono le 50 lire con Vulcano? “Da non credere”

Gli esemplari più rari sono quelli delle prime annate, perchè tendenzialmente più rari da trovare in buone condizioni. Per fare qualche esempio:

  • Una 50 lire del 1954 vale da 10 fino a 300 euro se in condizioni Fior di conio, ossia stato pari all’appena coniata
  • Una 50 lire del 1955 vale da 5 fino a 150 euro se in condizioni Fior di conio, ossia stato pari all’appena coniata

Particolarmente interessanti quelle del 1958, anno in cui meno di 1 milione di monete da 50 lire furono coniate, e ciò incide sul valore: si parte da una base di 30 euro per una moneta in buone condizioni fino a oltre 1000 per una FdC.

Più comuni quelle dal 1959 al 1961 ma anche in questo caso incide parecchio lo stato di consevazione visto che anche questi esemplari possono superare i 500 euro se in FdC.

Rarissime le monete del 1954 con la dicitura Prova, sul lato del dio Vulcano (anche se esiste una versione di prova senza la scritta): queste possono valere oltre i 5000 euro.

50-lire