Cosa fare se il Bancomat si mangia la carta? Ecco la risposta

Il Bancomat rappresenta una delle oramai numerose forme di denaro elettronico presenti sul mercato, anche se con questo termine si è soliti indicare un po’ tutte le tipologie di tessere magnetiche adibite allo scopo.

Il funzionamento del Bancomat è strettamente collegato a quello degli sportelli ATM, ossia gli sportelli automatici che nonostante siano in diminuizione rispetto a qualche anno fa, a causa di una minore presenza fisica degli istituti di credito, restano di fondamentale importanza. Il funzionamento di uno di questi sportelli è conosciuto da decadi, fin dagli anni 80 del secolo scorso.

Cosa fare se il Bancomat si mangia la carta? Ecco la risposta

Le operazioni effettuabili attraverso gli ATM sono sopratutto due: il prelievo di contanti e il controllo del saldo, con la possibilità di stampare la lista moviment. Alcuni ATM offrono la possibilità di inviare assegni e bonifici, ma indifferentemente dal tipo di operazione, è necessario inserire la nostra tessera. Cosa bisogna fare quando il bancomat si “mangia” la carta?

Questa è prima di tutto una forma di tutela verso il cliente: dopo aver effettuato un’operazione infatti la carta viene ridata indietro ma dopo 30 secoldi viene “catturata” dal bancomat per prevenire eventuali furti. In questo caso la carta può essere recuperata successivament semplicemente contattando l’istituto di credito.

Tuttavia in alcuni casi la carta può essere catturata non per “volontà” della banca, ma può essere causata dall’eventuale manomissione dello sportello: tecniche di vario tipo infatti prevedono il blocco della fuoriuscita della carta così da “simulare” una situazione accennata sopra. Solitamente questo tipo di manomissione è di natura fisica, ma non sempre visibile.

Se una situazione di questo tipo si palesa, bisogna immediatamente bloccare la nostra carta, così da renderla inutilizzabile da parte di un eventuale malintenzionato, pronta a recuperarla, poi bisogna avvisare altrettanto rapidamente la banca “proprietaria” dello sportello ATM.