home banking mps sicura fallire messaggio banche Gruppo Monte dei Paschi

MPS è una banca sicura? Ecco tutta la verità

Il Gruppo MPS, ossia l’istituto di credito Monte dei Paschi di Siena è  per lo stato italiano una vera e propria patata bollente, sotto molti punti di vista, a causa di gestioni poco trasparenti, problematiche interne ed un gran numero di “scandali” più o meno importanti. Attualmente lo stato italiano detiene oltre la metà del capitale sociale della banca per impedirne il fallimento, attraverso l’azione del Ministero dell’economia e delle finanze. Ma MPS può considerarsi sicura?

Storia e crisi

Monte dei Paschi di Siena può fregiarsi del titolo di banca più antica del mondo, essendo nata come monte di pietà nel 1472. Ha avuto un ruolo estremamente importante nel corso dei secoli, ruolo che l’ha portata ad essere in tempi recenti il 4° istituto bancario per diffusione ed importanza nel nostro paese.

La crisi di MPS è stata causata da gestioni poco oculate, crisi economiche, risanamenti ed anche risvolti ancora poco chiari, come la scomparsa di David Rossi, ex responsabile del Monte dei Paschi, suicida secondo le ricostruzioni, seppur all’interno di dinamiche ancora poco chiare, ma molto probabilmente inerenti a dinamiche del gruppo MPS.

Dai primi anni del 21° secolo infatti il gruppo è al centro di numerose indagini dopo un decennio costellato da espansioni sul territorio.

MPS è una banca sicura? Ecco tutta la verità

Nel 2017 lo stato italiano si è fatto garante delle sorti di MPS, come accennato all’inizio. Le inchieste proseguono anche sulle amministrazioni correnti, contraddistinte da numerosi cambi al “vertice”, stavolta sollecitati dai governi che mano a mano si susseguono.

Nonostante le fallite fusioni con altri istituti bancari e l’occhio sempre “vigile” da parte della Banca Centrale Europea, l’ipotesi fallimento è piuttosto improbabile nel breve-medio, ed anche se il controllo dello stato non potrà protrarsi per sempre, l’incidenza politica ed economica del gruppo MPS favorirà eventuali “manovre” politiche.

Insomma, almeno per ora, i piccoli risparmiatori possono sentirsi al sicuro, mentre in fase di investimento non è così conveniente puntarci, almeno per il momento.