Poste Italiane, è allerta: questi libretti postali saranno chiusi definitivamente

I libretti di risparmio rappresentano da molti anni una concreta possibilità di mettere da parte una somma di denaro, permettendo un discreto accumulo di interessi, che portano a sensibili guadagni che aumetano nel corso del tempo.

Guadagno lento ma costante

Molto diffusi sono i libretti postali, che di fatto hanno la medesima funzione, ossia servono per accumulare denaro ed evitarne lo “stagnamento”, che causa di riflesso la perdita di potere d’acquisto nel corso degli anni. Essendo garantiti dallo stato italiano, rappresentano una possibilità di investimento a “basso rischio” che non a caso viene adottata con buona regolarità da parte della popolazione.

Poste Italiane, è allerta: questi libretti postali saranno chiusi definitivamente

Da diversi anni Poste Italiane permette diversi vantaggi per chi sceglie di utilizzare questa forma di risparmio. Anche se può “sembrare strano”  anche il libretto postale può essere soggetto a chiusura dopo un determinato lasso di tempo a causa di inattività. I cosiddetti libretti dormienti, elencati in modo preciso attraverso una pagina presente sul portale ufficiale di Poste Italiane, per essere considerato tale, deve ossia quello che presenta un saldo pari o superiore a 100 euro e che non ha avuto nessun tipo di “movimento” da inizio 2012 sarà chiuso se non presenterà alcun tipo di variazione al 31 agosto 2022.

Poste Italiane ha già provveduto ad avvisare i propri titolari con una notifica e ciò continuerà ad avvenire fino alla fine dell’estate prossima attraverso delle notifiche scritte.

Una volta trascorsi 180 giorni dalla notifica, Poste Italiane provvederà a chiudere ogni conto dormiente, devolvendo ogni somma di denaro presso il fondo CONSAP. creato nel 2006. Tuttavia anche successivamente sarà possibile fare una richiesta ufficiale alla CONSAP per riottenere il credito originariamente presente sul libretto postale.

Per “riattivare” il libretto postale prima della scadenza è sufficiente recarsi presso un qualsiasi ufficio postale ed effettuare una operazione di controllo.

libretti postali