case 1 euro vacanze

In questo bellissimo paese si vendono case ad 1 euro: ecco quale

Spesso è una situazione di crisi a scatenare la creatività e l’iniziativa degli esseri umani, rispetto ad una di “calma”: una recente dimostrazione è costituita dall’iniziativa delle case a 1 euro, inizialmente partita in sordina ma che ha conquistato numerosi consensi grazie ad una doppia funzione. Ma di cosa si tratta?

Cos’è?

L’iniziativa prevede la cessione di uno o più locali storici di località italiane abbandonate, situate sopratutto in borghi e paesi, alla cifra simbolica di 1 euro, permettendo così una rivalutazione del luogo, oltre ad un ritorno anche “mediatico” visto il successo della proposta, e permette anche una interessante possibilità di investimento, ma anche per “mettere radici”. In principio fu il piccolo comune siciliano di Salemi durante l’amministrazione di  Vittorio Sgarbi a concedere un discreto numero di case proprio seguendo questa modalità. Le abitazioni il più delle volte sono dismesse a causa dello spopolamento (fenomeno definito più correttamente deurbanizzazione), causato dal progressivo abbandono dei piccoli centri abitati da parte delle popolazioni native per spostarsi nei centri urbani.

In questo bellissimo paese si vendono case ad 1 euro: ecco quale

Dopo Salemi, considerato uno dei borghi più simbolici del nostro paese, anche tanti altri comuni hanno “copiato” l’idea delle abitazioni ad 1 euro, che sono regolarizzate in maniera ufficiale dai comuni stessi. Questi forniscono le condizioni legali e burocratiche per usufruire dell’iniziativa.

E’ sopratutto la Sicilia a fornire il numero maggiore di case a 1 euro, data la presenza di borghi estremamente affascinanti ed interessanti anche dal punto di vista storico, un esempio concreto è rappresentato da Sambuca, un bellissimo paese in provincia di Agrigento che proprio a causa dell’iniziativa ha trovato una grande popolarità anche all’estero, finendo addirittura in un servizio curato dalla CNN. Il comune, dopo il successo del primo bando del 2019, che ha visto l’acquisto di un numero importante di abitazioni dismesse da parte di cittadini stranieri, ha riproposto di recente un nuovo bando, raggiungibile anche attraverso Airbnb.