Hai ancora le figurine Panini? Ecco quanto valgono oggi

Le figurine Panini rappresentano un retaggio storico/culturale molto importante ed emblematico per il nostro paese, da sempre molto legato al mondo del calcio, che ha fornito ad appassionati bambini e ragazzi (ma anche adulti) le prime vere figure calcistiche tangibili alla quale era possibile affezionarsi, anche in contesti storici molto diversi da quelli attuali, oramai colmi di informazioni di tutti i tipi. Per molto tempo infatti l’unico modo per dare un volto ai calciatori anche meno noti era quello di associarlo alla propria figurina.

Un po’ di storia

L’azienda Panini fu fondata nei primi anni 60 dai fratelli Panini, che in breve tempo avviarono la produzione della prima versione dell’album omonimo, che ha “visto la luce” per la prima volta nel 1961: l’album in questione, che reca la raffigurazione a colori dei un colpo di testa dell’allora milanista Nils Liedholm, che di fatto diede il “via” alla tradizione delle figurine dei calciatori, passione che perdura ancora oggi. La prima figurina realizzata fu quella dell’allora capitano dell’Inter Bruno Bolchi. Nel primo decennio di vita le figurine andavano attaccate sull’album con della colla apposita mentre dagli anni 70 divennero autoadesive.

Hai ancora le figurine Panini? Ecco quanto valgono oggi

Fin da piccoli i bambini e ragazzi hanno preferito le figure calcistiche più note da collezionare, ma curiosamente gli esemplari più rari non sono associati a nomi famosi del calcio nostrano: alcuni esempi di figurine considerabili molto più rare delle altre sono riscontrabili sopratutto negli anni 60: la figurina Faustino Goffi, calciatore del Padova che ha disputato il campionato di Serie B del 1967-68, è considerata una delle più rare in assoluto, recentemente una di queste in perfette condizioni è stata venduta su Ebay per 121 euro.

Faustino-Goffi-Rara-1967

Ancora più particolari le figurine di Pier Luigi Pizzaballa, in particolare quella dell’annata 1963-64, in cui il portiere nativo di Bergamo giocava proprio nell’Atalanta. Panini non ha mai confermato tirature limitate per questo specifico “pezzo” ma questa figurina è stata considerata per anni praticamente introvabile, al punto che per molti è stata la rarità della propria figurina a renderlo famoso al grande pubblico. Un esemplare in perfette condizioni oggi vale più di 150 euro.