Attenzione a questa incredibile moneta: ecco il suo valore odierno

Le monete rappresentano una delle forme di valuta economica più antiche e diffuse della storia umana, oggetti che esercitano un grande ascendente e fascino anche ai non appassionati di valute monetarie. Il termine stesso numismatica non indica la collezione di questi oggetti quanto il loro studio scientifico e storico, una delle motivazioni principali che porta un numero sempre molto importante di persone a provare interesse.

Installa

La lira italiana ha condizionato la vita di diverse generazioni di italiani in quasi due secoli di storia, visto che la celeberrima valuta italiana ha avuto diffusione anni prima dell’Unità d’Italia. Nonostante sia stata dichiarata fuori corso oramai 20 anni fa, precisamente a partire dal 1° marzo 2002, la lira può ancora riservare sorprese.

Emissioni comuni ma…

Spesso sono infatti le emissioni più comuni a risultare maggiormente interessanti e fonte di inaspettato guadagno: monete come la 50 e la 100 lire, coniate per decenni, in alcuni casi sono molto interessanti, sopratutto se presentano particolarità o difetti di sorta, fattori che contribuiscono a rendere una moneta più rara di altre.

Oltre al fattore rarità c’è quello storico, che condiziona anche la domanda e l’offerta del mercato, ecco perchè anche una moneta dal valore molto comune già all’epoca può rivelarsi preziosa.

Attenzione a questa incredibile moneta: ecco il suo valore odierno

Un esempio è dato dalle emissioni repubblicane, ossia realizzate dalla a zecca di Roma a partire dal secondo dopoguerra in poi: nel 1946 attraverso un decreto la monetazione fu rivoluzionata e anche emissioni come quella da 2 lire divennero molto comuni. La 2 lire è stata coniata a in due versioni, la prima denominata Spiga e la seconda Ape.

La Spiga è stata prodotta per pochi anni, dal 1946 al 1950 ed è in particolare quella realizzata nel 1947, coniata in soli 12 mila pezzi ad essere meritevole di attenzione: la moneta è distinguibile per la presenza di un contadino durante l’aratura, mentre l’altro lato è contraddistinto da una spiga di grano.

Un esemplare del 1947 vale come minimo 400 euro se è in buone condizioni ma se non presenta alcun difetto può arrivare a valere cifre decisamente più alte, fino a “toccare” i 1800 euro.

moneta valore

Welcome to Tech Cave

Installa GRATIS
×