Trova la Casa de la Vall su questi due euro e sei ricco: FOTO

L’obiettivo principale della moneta unica europea, l’euro, è stato da subito quello di ridurre le difficoltà economiche tra i paesi che hanno scelto di adottarlo a partire dal 2002, permettendo così un’opera di normalizzazione tra i paesi dell’Unione anche concettuale, diminuendo nel contempo anche le differenze culturali.

Ad oggi 19 nazioni hanno scelto di adottare l’euro, le ultime sono la Lettonia e la Lituania, che hanno aderito agli accordi alcuni anni fa ed hanno iniziato ad utilizzare la valuta unica nel 2014 e nel 2015, ma anche realtà come Città del Vaticano, San Marino e Principato di Monaco ne fanno uso, anzi coniano le proprie emissioni.

Valutazione andorrana

Tra queste realtà spicca anche il principato di Andorra, piccola indipendente dal 13° secolo, geograficamente e culturalmente al confine sui Pirenei tra Francia e Spagna, ha utilizzato fino a poche decadi fa sia il franco che la peseta, e pur non facendo parte dell’Unione Europea, ha raggiunto con quest’ultima entità degli accordi per coniare le proprie monete. Andorra ha iniziato a utilizzare l’euro a partire dal 2014.

Trova la Casa de la Vall su questi due euro e sei ricco: FOTO

I bozzetti delle nuove monete sono stati inizialmente realizzati nel 2021 ed in seguito modificati: sulle monete da 1, 2 e 5 centesimi sono presenti due animali tipici come il ginepro e il camoscio dei Pirenei, su quelle da 10, 20 e 50 centesimi recano la chiesa di Santa Coloma, mentre sulle monete da 1 euro è presente la Casa de la Vall, la sede del parlamento monocamerale e del palazzo di giustizia del principato. Casa de la Vall che è riportata anche su una moneta da due euro commemorativa, datata 2016, per la precisione su questa moneta è ritratto l’interno.

andorra due euro casa de la vall

Si tratta di un’emissione molto interessante anche perchè Casa de la Vall è anche una delle sedi del Parlamento Europeo, e questa emissione è stata creata per celebrare il 150° Anniversario della Nuova Riforma del 1886. Il valore “economico” può superare i 50 euro se la moneta è in condizioni particolarmente buone.