Fino a 18 mila euro se trovi questo vecchio francobollo: “Assurdo, ecco quale!”

L’importanza del francobollo per i servizi postali ha rivoluzionato l’idea stessa delle comunicazioni, in una maniera che oggi può non essere percepita come un tempo: l’idea di un pagamento della tassa di trasporto pagato dal mittente invece che dal destinatario era già stata presa in considerazione prima del 19° secolo ma lo sviluppo tecnologico ne ha permesso la creazione solo successivamente.

Installa

Genesi e sviluppo del francobollo

La “data di nascita” del francobollo è riconducibile al 1840 quando Rowland Hill, funzionario britannico, mise a punto la versione finale del primo francobollo nel 1840, conosciuto come Penny Black, la prima emissione dal valore di 1 penny britannico che reca il volto della regina Vittoria. Questa prima emissione presentava già il fondo adesivo ma il contorno era liscio, privo di dentellatura, un elemento tipico dei francobolli a partire dagli anni successivi.

Fino a 18 mila euro se trovi questo vecchio francobollo: “Assurdo, ecco quale!”

In pochissimo tempo l’invenzione iniziò a diffondersi in tutto il mondo, e una delle prime emissioni emesse nel vecchio continente sono state realizzate dai cantoni svizzeri: i primi francobolli del paese furono stampati nel 1843 dal Cantone di Zurigo ed essendo il paese tradizionalmente diviso in cantoni, questi avevano una tiratura piuttosto limitata.

Molti di questi esemplari sono considerabili veri e propri reperti storici, come quello conosciuto come il Basel Dove, stampato il 1° luglio del 1845 dal cantone indipendente di Basilea.

Il francobollo ebbe vita breve visto che fu ritirato dal mercato solo 3 anni dopo, e per questo non si contano più di 41.000 esemplari. Data la natura “pionieristica”, il Basel Dove, riconoscibile per la colomba che stringe una lettera nel becco, è considerabile particolarmente raro e prezioso, sopratutto se in eccellenti condizioni: un esemplare ben tenuto può superare i 10 mila euro di valutazione, cifra che può arrivare fino a 18 mila euro per un “pezzo” in perfette condizioni di conservazione.

basilea francobollo 18 mila euro

Welcome to Tech Cave

Installa GRATIS
×