Incredibile, le banconote dell’euro non si usano più: ecco quali

Le banconote, assieme alle monete ed i francobolli, risultano essere tra gli oggetti più collezionati in assoluto, per motivazioni legate sopratutto alla diffusione, alla varietà ma anche al valore storico che rende molti esemplari estremamente interessanti. Del resto la diffusione della carta moneta ha avuto grande slancio a partire dal 19° secolo, quando le tecnologie di stampa anti contraffazione hanno subito un’evoluzione sufficiente, in combinazione con l’affermazione nelle economie delle più diversificate classi sociali.

Installa

Moneta unica in evoluzione

banconota bancomat-

Esattamente 20 anni fa in Europa l’euro ha iniziato a prendere il posto delle storiche valute economiche del vecchio continente, lira italiana inclusa: il processo era in realtà stato ufficializzato già nel 1999 ma la Banca Centrale Europa ha di fatto posticipato l’attuazione del “piano euro” di qualche anno per permettere alle nazioni di regolarizzarsi a dovere.

Ad oggi 19 dei 27 paesi che compongono l’Unione Europea fanno uso della moneta unica che si appresta ad una nuovo restyling nel giro di qualche anno, processo di fatto reso ufficiale dalla presidente della BCE Christine Lagarde che ha comfermato nelle scorse settimane l’intenzione di presentare una nuova serie di banconote che sostituiranno gradualmente quelle attualmente utilizate, in un modo non troppo dissimile da quanto avvenuto a partire dal 2013, quando la prima serie è stata gradualmente sostituita dalla seconda, denominata Europa, che è quella attualmente in uso.

Incredibile, le banconote dell’euro non si usano più: ecco quali

La nuova serie ha di fatto apportato novità non così sostanziali nell’ambito del design, visto che le dimensioni sono rimaste le stesse per tutte le banconote della valuta unica, eccezion fatta per cambiamenti atti a migliorare il fattore sicurezza per ridurre la falsificazione delle banconote. La serie Europa non ha riproposto il taglio da 500 euro, considerato già nello scorso decennio dato l’utilizzo costante da parte delle associazioni criminali.

La volontà di ridurre gradualmente ma in modo sempre più costante l’utilizzo della valuta fisica è percepibile anche da questi cambiamenti: oltre alla 500 euro, che resta comunque valida, anche la 200 euro potrebbe non rientrare nei “piani” della nuova serie, che non arriverà comunque prima del 2024.

Welcome to Tech Cave

Installa GRATIS
×