Trova subito i cavalli su queste 500 Lire: ecco quanto valgono

La 500 lire ha costituito una serie di monete italiane piuttosto comuni a partire dal 2° dopoguerra: a differenza della maggior parte delle monete allora già esistenti, il formato monetario da 500 lire è stato “inaugurato” dalla repubblica italiana.

Nonostante la versione bimetallica, coniata a partire dal 1982, rappresenti la versione più comune e diffusa, sono probabilmente quelle d’argento ad essere maggiormente note tra i collezionisti, sopratutto a causa della prima emissione in assoluto, risalente agli anni 50 e 60 del 20° secolo, riconoscibile per le Caravelle, sopratutto per la nota emissione con le vele sbagliate, da molti anni un vero “feticcio” per il collezionisti di tutto il mondo.

Monete d’argento

In realtà in questo lasso di tempo, nello specifico dal 1958 al 1967, sono state prodotte dalla zecca italiana in tutto 3 emissioni da 500 lire: le CaravelleUnità d’ItaliaDante, tutte realizzate in argento 835.

Dal 1961 al 1963 sono state coniate le seconde, riconoscibili per la raffigurazione di una quadriga, una tipologia di biga azionata da 4 cavalli, in occasione del centenario dalla nascita dell’Unità d’Italia. L’altra estremità della moneta è presente l’Italia raffigurata in una donna seduta su un capitello. Il bordo della moneta presenta l’incisione 1° Centenario Vnita’ D’Italia 1861 – 1961, proprio per omaggiare la nascita dello stato italiano unificato.

Trova subito i cavalli su queste 500 Lire: ecco quanto valgono

La tiratura non è stata molto risicata, si parla di oltree 27.000.000 esemplari realizzati in pochi anni. Questo porta alle monete Unità D’Italia ad essere non particolarmente rare e perciò non molto “danarose”: si parte da un valore di pochi euro per le monete in buone condizioni, ma il valore massimo al dettaglio non supera i 30 euro, anche se i vari centri numismatici applicano delle commissioni e perciò l’eventuale vendita presenta cifre minori in termini di guadagno.

Si tratta di una moneta comunque molto importante dal punto di vista collezionistico, che non può mancare nella raccolta di un appassionato.