Se hai questa banconota da 10 euro sei ricco: ecco quale cercare

La popolazione italiana ha iniziato ad adattarsi con qualche difficoltà all’euro, valuta che all’inizio del nuovo millennio ha sostituito la lira e gran parte delle valute europee analoghe: l’euro fa parte di un progetto di unificazione monetaria iniziato concettualmente almeno un decennio prima e che è diventato realtà negli ultimi anni del secolo scorso.

Come accaduto in Germania e la Francia, anche l’Italia ha adottato ai tempi un percorso “adattivo”, per far abituare gradualmente la popolazione alla nuova valuta: dal 1° gennaio 2002 infatti l’euro ha iniziato a diffondersi inizialmente in maniera parallela alla lira fino al 28 febbraio dello stesso anno che di fatto ha sancito la “pensione” della lira.

Taglio minore

La 10 euro rappresenta una delle emissioni cartacee più diffuse e riconoscibili sopratutto per le spese medio-piccole di tutti i giorni, ed è immediamente riconoscibile per il colore rosato, tendente al magenta. Si tratta della banconota più “piccola” anche come dimensioni dopo quella da 5 euro, e anche la seconda ad essere realizzata in una seconda versione a partire dal 2014.

La serie Europa, ossia quella utilizzata abitualmente, ha migliorato i sistemi di sicurezza delle banconote in funzione anti contraffazione.

Se hai questa banconota da 10 euro sei ricco: ecco quale cercare

Anche le banconote da 10 euro possono valere molto di più del valore “nominale”, basta prestare attenzione al numero di serie che può fornire qualche indicazione piuttosto specifica in quanto a rarità: meno solo le cifre e più e rara, quindi una banconota che presenta 2 o 3 cifre soltanto può valere da 50 fino a 300 euro a seconda delle condizioni, mentre se presenta una sola cifra come S111111111 siamo di fronte ad una banconota unica e può valere fino a 1000 euro.

Molto interessanti ma anche molto rare le banconote Specimen, riconoscibili per la vistosa scritta rossa. Si tratta di esemplari specificamente realizzati per le personalità importanti della Banca Centrale Europea. Un singolo esemplare può valere dai 700 ai 1500 euro.

10 euro specimen