Poste Italiane, è allerta su questi libretti: “Verranno chiusi!”

I libretti postali rappresentano da diversi decenni una delle possibilità di investimento più utilizzate e semplici da attuare: si tratta in sostanza di libretti di risparmio che permettono alle somme di denaro depositate di sviluppare una percentuale di interessi fissa con il passare del tempo.

Questa possibilità ha avuto da subito un grande seguito da parte dei vari strati di popolazione, dato che garantisce una crescita non esponenziale nell’immediato ma comunque costante e con pochi rischi, trattandosi di beni garantiti dallo stato italiano.

I costi di gestione sono limitati e non prevedono alcun costo di copertura, gestione e chiusura ma proprio per questo spesso vengono dimenticati anche per molti anni.

Poste Italiane, è allerta su questi libretti: “Verranno chiusi!”

Quando un libretto postale non viene utilizzato o “aggiornato” per un lasso di tempo pari o superiore a 10 anni e presenta un saldo superiore a 100 euro viene definito dormiente, come spiegato in modo preciso attraverso la pagina telematica dedicata sul sito delle Poste, che mette a disposizione anche un elenco completo di tutti i libretti postali dormienti.

pensioni febbraio

Secondo una comunicazione ufficiale, i titolari dei libretti dormienti dovranno presentarsi allo sportello per effettuare il censimento e “riattivare” quindi il libretto entro il 21 giugno 2022: superata questa data, i libretti saranno chiusi e le somme di denaro saranno devolute al fondo gestito dalla CONSAP, istituita con la finanziaria del 2006.

La regolamentazione prevede l’estinzione del libretto dopo 180 giorni dalla comunicazione di “sollecito” da Poste Italiane se l’utente non effettua una comunicazione di censimento, recandosi di persona presso un ufficio postale. Qualsiasi libretto che risulta dormiente alla data del 31 agosto dovrà richiederà la medesima comunicazione di censimento così da evitarne la chiusura entro il 29 marzo 2022, previa la già citata chiusura con lo spostamento dell’intera somma di denaro associata al libretto di risparmio sul già citato fondo CONSAP.