monete moneta arancia quercia 10 lire 7000 euro monete da 7 mila euro moneta albero 100 10 lire

Fino a 3000 euro se trovi queste 100 Lire: FOTO

La storia della lira italiana è spesso costellata da esemplari molto famosi ma non per questo meno danarosi, se si prendono ad esempio specifiche emissioni. Questo perchè il precedente conio italiano ha goduto di un’estrema varietà, fattore che, unito ad un elemento storico non indifferente, ha reso la lira da subito particolarmente ambita dai collezionisti di tutto il mondo.

Anche un esemplare estremamente conosciuto come la 100 lire Minerva, ossia la variante più diffusa e conosciuta in assooluto, può valere cifre molto interessanti.

Lire Minerva

Risalente al secondo dopoguerra, la prima emissione monetaria da 100 lire della Repubbica Italiana, realizzata in Acmonital (una lega formata da cromo, ferro e nichel) dal 1955 al 1989, è conosciuta come Minerva, per via della rappresentazione della dea romana della saggezza e della guerra, riportata su una delle due superfici, nello specifico si tratta di una raffigurazione di un antico dipinto di Siracusa del IV A.C.

L’altra “faccia” presenta una testa femminile di profilo, contornata dalla scritta REPVBBLICA ITALIANA, con al di sotto la doppia firma degli incisori, ROMAGNOLI e GIAMPAOLI INC.

Fino a 3000 euro se trovi queste 100 Lire: FOTO

La moneta è stata prodotta ininterrottamente dal 1955 al 1989 fino a quando fu sostituita dalla versione piccola, mai realmente apprezzata dai cittadini, e dalla versione Italia turrita. Tutte le versioni della 100 lire hanno avuto corso legale fino al 1° marzo 2002.

Si tratta di un’emissione molto comune e nota, ma sempre interessante dal punto di vista collezionistico visto che in condizioni molto buone, un esemplare può valere molto: il pezzo più raro e conteso risulta essere la primissima versione di Prova, del 1954, riconoscibile anche per la scritta in piccolo Prova, sul lato destro della dea Minerva.

100 lire minerva

Gli esemplari di prova non erano destinati alla circolazione e sono perciò rarissimi, ecco perchè una singola moneta di questo tipo vale senza problemi 3000 euro, data l’importanza anche storica.