Quali formaggi aumentano il colesterolo? Ecco la classifica

Il colesterolo è una sostanza presente nei prodotti di origine animale, ma è importante dire che il colesterolo è anche naturalmente presente nel nostro organismo, dove svolge delle funzioni molto importanti. Dunque vi starete chiedendo perché non deve essere alto, beh la risposta è semplice, troppo colesterolo può determinare una serie di patologie, anche gravi, che potrebbero causare la morte. Per cui è importante che i livelli di colesterolo siano sempre entro i limiti, non deve mai essere troppo alto. Come accennato pocanzi, i prodotti di origine animale contengono quantitativi elevati di colesterolo, a differenza, invece, degli alimenti di origine vegetale che non ne contengono.

Installa

Esistono due tipologie di colesterolo, il “colesterolo buono” definito anche come HDL e il “colesterolo cattivo” o anche colesterolo LDL. Ovviamente tra i due è semplice capire che quello pericoloso per la nostra salute è il colesterolo cattivo, quando è alto che si corrono rischi per le malattie cardiovascolari.

Tra i prodotti di origine animale che contengono colesterolo ci sono i formaggi. Recenti studi, però, hanno evidenziato che gli acidi grassi di alcuni formaggi possono alzare i livelli di colesterolo buono. Tutti i formaggi contengono grassi e colesterolo in maniera proporzionale alla stagionatura. I formaggi freschi sono più poveri di grassi saturi e colesterolo. Per conoscere la quantità di colesterolo presente nei formaggi si può ricorrere alle tabelle nutrizionali. In generale i formaggi contengono colesterolo che oscilla tra i 60 – 100 milligrammi (mg) per 100 grammi di parte edibile.

I formaggi con più colesterolo

In testa alla classifica troviamo il Grana con 109 mg di colesterolo ogni 100 grammi di formaggio. A seguire troviamo il Brie con 98 mg, Parmigiano 91 mg, Formaggio cremoso spalmabile e Pecorino romano 90 mg, Fontina 82 mg, Edam 79 mg, Camembert 78 mg, Provolone 73 mg, Caciottina 71 mg, Gorgonzola 70 mg, Feta 68 mg, Ricotta di vacca 57 mg, Crescenza 53 mg, Mozzarella 46 mg, Formaggio cremoso spalmabile light 42 mg, Ricotta di pecora 42 mg.

Quali formaggi non aumentano il colesterolo?

Chi soffre di colesterolo alto deve seguire una dieta sana ed equilibrata. Bisogna anche evitare i cibi molto grassi. Alcuni formaggi possono essere mangiati seppure sempre senza esagerare. La ricotta è povera di lipidi e ricca di proteine, minerali e vitamine. E’ uno dei formaggi magri migliori. Contiene in genere 51 mg di colesterolo ogni 100 grammi. Quella di pecora anche di meno. Anche la crescenza è tra i formaggi con un basso contenuto di colesterolo. In cento grammi di prodotto si trovano 53 mg di colesterolo. Tra i formaggi poveri di colesterolo anche la mozzarella che contiene 46 mg di colesterolo ogni 100 grammi.

Quali cibi fanno aumentare il colesterolo?

Per non vedersi aumentare il colesterolo bisogna fare molta attenzione alle carni grasse e ad ogni genere di insaccato. Gli esperti, nutrizionisti consigliano di evitare le carni rosse, le parti grasse e le frattaglie. Si dovrebbero mangiare, invece, carni magre bianche come il petto di pollo, il tacchino, il coniglio, il vitello. Da evitare anche i condimenti grassi di origine animale come lo strutto, il lardo e la margarina. Attenzione anche a latte e yogurt. Si potrebbe optare, ma con molta attenzione, verso il latte scremato. Niente quindi latte intero, yogurt intero, yogurt alla frutta con alto contenuto di zuccheri e grassi, crema di yogurt, panna e persino latte condensato.

Welcome to Tech Cave

Installa GRATIS
×