Mangiare carne bianca fa male: ecco cosa succede al nostro corpo

Iniziamo con il dire che adottare un regime alimentare sano ed equilibrato è fondamentale per la nostra salute, ogni forma di malnutrizione che sia troppo povera o troppo ricca potrebbe avere dei risvolti negativi sul nostro organismo.

Installa

Per dieta sana ed equilibrata si intende un piano alimentare che comprenda:

5 porzioni di frutta e verdura al giorno;                                                                    – un consumo ridotto di zuccheri;                                                                               – un consumo ridotto di grassi, specialmente gli acidi grassi saturi, presenti principalmente in alcuni alimenti come il burro, la panna, i formaggi, lo strutto, ma che sono molto abbondanti anche in alimenti industriali, negli snack, nei cibi fritti, nelle torte e nei biscotti;
un ridotto utilizzo del sale.

Nei paragrafi successivi andremo a vedere, invece, quale tipologia di carne preferire.

Qual è la differenza tra carne bianca e carne rossa?

Sia la carne bianca che la carne rossa apportano una serie di nutrienti, in particolar modo le proteine, i sali minerali e le vitamine, ad esempio la carne in generale è un’ottima fonte di zinco, di potassio, di magnesio e sono molto abbondanti le vitamine del gruppo B. Entrambe le tipologie di carne apportano proteine nobili che sono essenziali per il nostro organismo.

La differenza tra le due tipologie di carne, dunque, non risiede nel quantitativo di proteine o di microelementi, quanto più per il contenuto lipidico. Le carni bianche apportano meno grassi rispetto alle carni rosse, dunque la carne bianca è più magra e anche più facilmente digeribile.

Quali carni rientrano nel gruppo delle “carni bianche”?

La carne bianca ha un contenuto di mioglobina basso. Per portare degli esempi possiamo dire che tra le carni bianche rientrano il coniglio, il pollo, il tacchino, poi la carne di suino, di agnello e di vitello.

Quali carni bisogna preferire quando si è a dieta? Quante volte a settimana si può consumare?

La risosta è dipende. Dipende dalla dieta che si sta seguendo, in linea generale, non è mai consigliato un abuso di carne né bianca né rossa, ma tra le due è sicuramente più sana la carne bianca. Quando si segue una dieta ipocalorica è consigliato il consumo di coniglio, pollo e tacchino dato che hanno un basso contenuto di grassi e di colesterolo. La carne d’agnello e di suino, invece, risultano essere più grasse.

Per quanto riguarda la frequenza di consumo, si consiglia di non superare le 3-4 volte a settimana, a prescindere se sia carne bianca o rossa, meglio non esagerare. Il consiglio è quello di cuocere bene la carne e preferire delle cotture leggere, come ad esempio in padella senza altri condimenti, alla griglia, al vapore o anche in forno.

Quali sono i benefici apportati dalla carne bianca?

Come detto pocanzi, la carne bianca apporta molte proteine definite nobili, che sono indispensabili per il corretto funzionamento e per il mantenimento dei tessuti e degli organi, oltre che per la muscolatura.

Poi, la carne bianca apporta il ferro, un minerale fondamentale per il nostro organismo, molto importante anche per coloro che soffrono di anemia, inoltre apporta oltre che molti minerali anche molte vitamine.

Dato il basso contenuto di grassi la carne bianca può essere consumata anche nelle diete ipocaloriche, dunque molto consigliata per chi vuole dimagrire o semplicemente per chi soffre di malattie cardiovascolari in modo da abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, dato che ne apporta pochissimo.

In ultimo, possiamo dire la carne bianca è molto digeribile ed è anche semplice da masticare, molto tenera, quindi consigliata anche per anziani e bambini.

La carne bianca fa male?

In linea di massima tutti gli alimenti se consumati in modo eccessivo possono fare male al nostro organismo, dunque anche la carne bianca. Per questo motivo non è consigliato farne abuso, ma niente a che vedere con il rischio che si corre consumando frequentemente la carne rossa, dal potere cancerogeno nel lungo periodo.

Per quanto riguarda la carne bianca, il rischio maggiore per la nostra salute, risiede nella cottura, è sconsigliato il consumo di carne bianca non cotta perfettamente, il rischio di intossicazione e tossinfezione alimentare è molto elevato, data la presenza di microrganismi.

Welcome to Tech Cave

Installa GRATIS
×