Mangiare una pera prima di dormire: ecco le conseguenze!

Se una mela al giorno toglie il medico di torno, una pera di sera non fa lo stesso effetto. Chi non riposa bene la notte e la mattina si sente spossato, dovrebbe fare attenzione all’alimentazione della sera precedente, soprattutto alla consumazione della frutta a fine pasto. Lo sapevate che mangiare una pera prima di dormire ha incredibili conseguenze? Scopriamo quali.

Le proprietà della pera 

La pera è certamente un frutto salutare di tutto rispetto. Le pere hanno una grande ricchezza di minerali come sodio, potassio, ferro, calcio, fosforo, magnesio, zinco, boro, rame e vitamine del gruppo B e C. Il calcio, in particolare, aiuta a ridurre il rischio di osteoporosi ostacolando il processo di rarefazione del tessuto osseo. Il boro migliora la memoria e la prontezza di riflessi.

Le pere sono poi ricche di fibre, che aiutano l’intestino insieme al grande quantitativo di acqua presente nel frutto. Le feci transitano rapidamente nell’apparato digerente, prevenendo problemi come la comparsa di emorroidi e la stipsi.

La pera è inoltre un frutto ricco di zuccheri, che fanno certamente bene per una carica mattutina ma sono da guardare attentamente nel caso si pensi di fare uno spuntino prima di coricarsi. Mangiare una pera prima di dormire infatti, può avere determinate conseguenze.

Consumare pere di sera

Mangiare una pera prima di dormire apporta un’elevata quantità di zuccheri nel corpo e, oltre a favorire l’incremento dei livelli di glucosio nel sangue, causa la formazione di gas intestinali, a causa della fermentazione degli zuccheri nell’intestino. Questo contribuisce a rallentare la digestione. La maggior parte dei nutrienti della pera poi, si perde durante il processo di digestione, a causa degli zuccheri fermentati. 

Mangiare una pera dopo cena vi farà aggiungere poi ulteriori calorie a quelle già ingerite con il pasto. Ciò, in caso di dieta, rende difficile la perdita di peso. La pera ha proprietà energetiche che accelerano il metabolismo. Questa condizione è certamente ottima ma quando si fa movimento. Se andiamo a coricarci, il metabolismo lavorerà più lentamente. Il fruttosio, all’interno dell’organismo, viene trasformato in glucosio ed energia. Se non utilizziamo questa energia, essa va ad accumularsi nel corpo sotto forma di grasso.

Mangiare una pera: il momento migliore

Ma qual è allora il momento migliore, durante l’intero arco della giornata, per mangiare una gustosa pera? La risposta è senza dubbio al mattino. Fare colazione con una pera è la mossa ideale che permette di iniziare la giornata con la giusta carica di energia.

Il metabolismo lavorerà così in maniera maggiormente veloce fino a mezzogiorno, aiutandoti a superare le ore iniziali della giornata, quelle in cui devi tenere la mente fresca e svolgere diverse attività.

Mangiare una pera a colazione permetterà inoltre di bruciare più calorie.